iscrizionenewslettergif
Bergamo

Orti botanici: a Bergamo convegno sul futuro

Di Redazione17 ottobre 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Orti botanici: a Bergamo convegno sul futuro
I celebri Kew Gardens

BERGAMO — Due appuntamenti per discutere del futuro degli orti botanici in Italia e nel mondo. Sono i convegni organizzati a Bergamo, nell’ambito di Bergamoscienza. Eccone la descrizione.

GIOVEDI 17 e VENERDI 18 OTTOBRE 2013
Sala Curò – Piazza Cittadella – Città Alta – dalle ore 9.30 alle 17.00

COSTRUIAMO INSIEME IL FUTURO DEGLI ORTI BOTANICI
La rete degli orti botanici della Lombardia compie dieci anni e li festeggia con un convegno nazionale organizzato in collaborazione con l’’orto botanico di Bergamo nell’ambito di “Bergamoscienza” e promosso dal Gruppo orti botanici e giardini storici della Società botanica italiana.

Si discuterà dei ruoli che gli orti botanici sono chiamati a svolgere oggi di fronte ai grandi temi dell’umanità; sono previsti workshop e sessioni interattive sugli Orti botanici come musei di relazione e sul fund-raising; è prevista una borsa scambio delle attività educative e un world café sulla proposta di una rete nazionale dell’’educazione.

Il convegno è aperto a tutti, previa prenotazione. L’’iscrizione è gratuita e garantita sino ad esaurimento posti.

Partecipano:
Gianpaolo Azzoni, Università degli Studi di Pavia
Gail Bromley, Kew Gardens, Londra, BGCI – Botanic Garden Conservation International
Gabriele Rinaldi e Francesco Zonca, Orto Botanico di Bergamo
Paolo Celli, Centrale Etica
Pietro Pavone, Orto Botanico dell’Università degli Studi di Catania, coord. Gruppo Orti Botanici e Giardini Storici della Società Botanica Italiana
Mara Sugni, Rete Orti Botanici Lombardia
Serena Dorigotti, MUSE Museo delle Scienze di Trento

per info e modalità di iscrizione : www.reteortibotanicilombardia.it
contatti:segreteria@reteortibotanicilombardia.it – 366.3489028
Si ringrazia Ass. Amici dell’Orto Botanico di Bergamo

SABATO 19 OTTOBRE 2013
Teatro Donizetti – ore 15,00
“Il futuro degli Orti Botanici. Da Flora all’Urbanizzazione delle masse”. Relatore Gail Bromley, dai Kew Gardens di Londra.

I Kew Gardens di Londra, i più famosi orti botanici del mondo, non solo ospitano su una superficie di oltre centoventi ettari una straordinaria raccolta di piante provenienti da ogni angolo del pianeta. Non solo hanno al loro interno musei, serre ottocentesche e moderne, alberi secolari, boschi e distese fiorite. Ma sono da sempre attivi, tra l’altro, sul fronte dell’attività didattica. L’’education, come la chiamano gli inglesi, a Kew mette al centro le piante: zooma sui vegetali, senza i quali la vita non è possibile sulla Terra.

Di piante indispensabili, di piante utili, di piante bellissime. Di questo parlerà sabato 19 ottobre Gail Bromley a Bergamo Scienza, alle 15.00 al Teatro Donizetti di Bergamo. Anzi farà di più. Spiegherà come stimolare l’interesse di studenti e non solo verso il meraviglioso mondo delle piante, inviterà ad aprire gli occhi sul formidabile pool di risorse che i vegetali offrono, convincerà chi l’ascolta che questo tesoro va sfruttato in modo sostenibile e conservato per le generazioni che verranno. Anche perché apprezzare le straordinarie risorse che le piante ci offrono sta diventando un elemento importante per affrontare i grandi temi dell’umanità, come il cambiamento climatico, la scarsità di risorse idriche e l’incremento della popolazione.

Forte della sua esperienza a Kew, Gail Bromley affermerà che in tutto questo gli Orti botanici possono e devono svolgere un ruolo fondamentale: sempre che sappiano stabilire rapporti utili e duraturi col territorio che li circonda e con le comunità che lo abitano.

Venerdì sciopero treni. Trenord: non prevediamo disagi

Venerdì sciopero dei treni. Trenord: previsti pochi disagiBERGAMO -- Lo sciopero dei treni di venerdì non comporterà "particolari criticità o disagi". E' ...

Finanziaria, per Bergamo 4 milioni in arrivo

Palazzo Frizzoni, sede del Comune di BergamoBERGAMO -- L'allentamento delle rigide regole del Patto di stabilità deciso dal governo Letta potrebbe ...