iscrizionenewslettergif
Esteri

Usa: trattative in Senato, ma resta rischio default

Di Redazione15 ottobre 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Usa: trattative in Senato, ma resta rischio default
Barack Obama

WASHINGTON, Usa — Si terrà probabilmente domani l’atteso incontro tra il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e i rappresentanti del Congresso per evitare il default degli Usa.

Il presidente vuole concedere al Senato il tempo per limare il provvedimento in grado di salvare la situazione. La bozza d’intesa fra repubblicani e democratici per ora prevede la riapertura dello Stato Federale sino al 15 gennaio e innalzamento del tetto del debito sino al 15 febbraio.

Questi i paletti della bozza d’intesa che i due leader Harry Reid e Mitch McDonnell starebbero discutendo in vista del vertice con Obama. Su tutto pesa però l’incognita del voto della Camera, a maggioranza repubblicana, dove è forte la presenza dei deputati del Tea Party, contrari a qualsiasi compromesso.

Per questo Obama ha deciso di concedere più tempo alle trattative. “L’incontro del presidente con i leader del Congresso è stato posticipato per consentire ai leader del Senato di continuare sugli importanti progressi verso una soluzione per riaprire il governo e aumentare il tetto del debito” ha spiegato la Casa Bianca.

“Sono molto ottimista. Siamo vicini a un accordo. Spero di avere un piano da presentare più tardi alla Casa Bianca”. Lo afferma il capogruppo democratico al Senato, Harry Reid, in vista del vertice con Obama alla Casa Bianca. “Ci sono stati dei progressi nelle trattative in Senato: oggi vedremo quanto sono reali” ha aggiunto il presidente Obama.

Tifone in Vietnam, terremoto nelle Filippine

Il tifone Nari si avvicina al VietnamHANOI, Vietnam -- Sono centoventimila le persone evacuate a causa dell'arrivo sulla costa del tifone ...

Nelle mani della Nsa milioni di indirizzi mail

NsaWASHINGTON, Usa -- L'agenzia di intelligence statunitense Nsa (National Security Agency) ha raccolto centinaia di ...