iscrizionenewslettergif
Poesie

“La terra e la morte” di Cesare Pavese

Di Redazione9 ottobre 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Terra rossa terra nera,
tu vieni dal mare,
dal verde riarso,
dove sono parole
antiche e fatica sanguigna
e gerani tra i sassi
non sai quanto porti
di mare parole e fatica,
tu ricca come un ricordo,
come la brulla campagna,
tu dura e dolcissima
parola, antica per sangue
raccolto negli occhi;
giovane, come un frutto
che è ricordo e stagione
il tuo fiato riposa
sotto il cielo d’agosto,
le olive del tuo sguardo
addolciscono il mare,
e tu vivi rivivi
senza stupire, certa
come la terra, buia
come la terra, frantoio
di stagioni e di sogni
che alla luna si scopre
antichissimo, come
le mani di tua madre,
la conca del braciere.

“Vòltati” di Franco Loi

Vòltati, senza dar peso, come si fa quando i pensieri nell'aria scivolano via, voltati per abitudine, lenta, ...

“Il poeta” di Umberto Saba

SabaIl poeta ha le sue giornate contate, come tutti gli uomini;ma quanto, quanto variate! L'ore del giorno e le ...