iscrizionenewslettergif
Politica

Napolitano vuole l’indulto. La Lega: contrari

Di Redazione8 ottobre 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Il Presidente: questione drammatica. Maroni: costruire nuove carcere invece di liberare i delinquenti

Napolitano vuole l’indulto. La Lega: contrari
Roberto Maroni

MILANO — “La Lega Nord è contraria a qualsiasi forma di indulto o amnistia”: lo afferma in una nota il segretario Roberto Maroni.

“Il problema del sovraffollamento carcerario – sostiene – si risolve costruendo nuove carceri e non rimettendo in libertà decine di migliaia di delinquenti”.

La spinosissima questione è stata posta oggi da Giorgio Napolitano al Parlamento. Attraverso un messaggio alle Camere, il presidente delle Repubblica pone “con determinazione e concretezza la questione scottante dell’emergenza carceri, da affrontare in tempi stretti. Si tratta di una questione drammatica”, spiega.

“Sottopongo all’attenzione del Parlamento l’inderogabile necessità di porre fine ad uno stato di cose che ci rende corresponsabili delle violazione contestate all’Italia dalla Corte di Strasburgo. Esse si configurano come un’inammissibile allontanamento dai principi e dall’ordinamento si cui si basa l’integrazione europea. Ho dovuto mettere in evidenza – prosegue il Capo dello Stato – come la decisione della Corte di Strasburgo rappresenta la mortificante conferma della perdurante incapacità del sistema italiano di garantire i diritti elementari e la sollecitazione pressante ad imboccare una strada efficace”.

“L’Italia – ricorda Napolitano – ha un anno per conformarsi alla richiesta che arriva dalla Corte Europea. Il termine annuale decorre da quanto il 28 maggio 2013 è stata respinta l’istanza presentata dall’Italia al fine di ottenere il riesame dalla sentenza: pertanto il termine scade il 20 maggio 2014. L’Italia – sottolinea – viene a porsi in una condizione umiliante sul piano internazionale per violazione dei principi sul trattamento umano dei detenuti. Alle violazioni dei diritti umani nelle carceri “si aggiungono quelle sulla durata non ragionevole dei processi”.

“L’intollerabile livello di congestione delle carceri dà all’Italia il primato di sovraffollamento tra gli stati Ue con il 140,1 per cento, mentre la Grecia è al 136,5. La prima misura su cui intendo richiamare l’attenzione è l’indulto – dice Napolitano – che non incide sul reato e può applicasi ad un ambito esteso”.

Il Capo dello Stato precisa che dall’indulto sono esclusi “alcune fattispecie di reato per evitare pericolose ricadute, accompagnando l’indulto con misure amministrative volte all’effettivo reinserimento dei carcerati. Fermo restando l’esclusione dall’amnistia dei reati di particolare allarme sociale come la violenza contro donne, non ritengo che il capo dello Stato debba indicare le singole fattispecie da escludere: la perimetrazione dell’amnistia rientra nelle competenze esclusive Parlamento”.

Maroni agli industriali: le misure dei primi 6 mesi

Roberto Maroni a TreviglioTREVIGLIO -- "La rivoluzione della concretezza è il mio imperativo. E infatti in questi primi ...

Amnistia anche per Berlusconi? I grillini all’attacco

Beppe Grillo, leader del Movimento 5 StelleROMA -- Sta scatenando un putiferio politico il messaggio alla Camere del Presidente della Repubblica ...