iscrizionenewslettergif
Cultura

Appuntamento con i musei storici a Bergamoscienza

Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Appuntamento con i musei storici a Bergamoscienza
Un'antica farmacia

Dal 4 al 20 ottobre torna Bergamoscienza, il festival dedicato alla divulgazione scientifica organizzato dall’omonima associazione con l’obiettivo di avvicinare il pubblico alla scienza. Il calendario dell’iniziativa prevede oltre 180 eventi tra conferenze, visite guidate e mostre aperte al pubblico con ingresso libero e gratuito.

Negli spazi del Convento di San Francesco in piazza Mercato del Fieno, la Fondazione Bergamo nella storia ospita mostre e laboratori interattivi rivolti alle scuole, ma aperti al pubblico durante il sabato e la domenica. Quest’anno il Museo storico sarà presente alla manifestazione con un programma di iniziative particolarmente ricco. Ecco l’elenco degli appuntamenti.

Mostra laboratorio
LA CURA. IL FARMACISTA NELLA STORIA
dal 6 al 20 ottobre
Convento di San Francesco, Piazza Mercato del fieno 6/a – Città alta
Cosa c’è su quel bancone? Vasi, pilloliere, bilance di precisione. Tre ambienti per ripercorrere insieme la storia della farmacia e del farmaco, partendo dalle botteghe degli speziali del Rinascimento, che preparavano rimedi curativi a base di erbe e loro estratti, sino ad arrivare alla moderna farmacologia scientifica. Una stanza racconterà la storia delle più antiche farmacie di Bergamo, mentre nel laboratorio centrale il visitatore potrà indossare i panni del farmacista e preparare un rimedio farmaceutico approfondendo la conoscenza di erbe e principi attivi; con l’aiuto di testi storici, tra cui antiche farmacopee, ricettari e altri documenti, si approfondirà la storia di alcune tra le più importanti malattie endemiche ed epidemiche che i farmacisti hanno cercato di combattere nel corso dei secoli.
Organizzazione: Fondazione Bergamo nella storia, Ordine dei Farmacisti della Provincia di Bergamo
Mostra a cura di: Silvana Agazzi, Lia Corna, Giorgio Locatelli, Roberta Marchetti, Andrea Raciti, Claudio Visentin, Elisabetta Zanarotti
con Giorgio Cosmacini Università Vita-Salute San Raffaele, Università degli studi di Milano

Conferenza
GUARIRE, CURARE, ASCOLTARE, CONSOLARE. L’ARTE DEL FARMACO NELLA STORIA
Domenica 13 ottobre 2013, alle ore 19.00, Teatro Sociale, via Colleoni – Città alta
In ogni epoca le malattie hanno minacciato gli individui e, nel caso delle epidemie, l’intera società. Per questo lungo tutto l’arco della storia l’uomo ha cercato di comprendere la natura e le cause delle malattie, al fine di preparare rimedi sempre più efficaci. E questi ultimi sono scaturiti dapprima da un’attenta osservazione della natura, animata e inanimata, poi dal ricorso alla chimica moderna. Nel quadro di questa tensione fondamentale verso la cura ha preso forma la figura del farmacista così come la conosciamo oggi, distinguendosi per via dagli speziali e da altre figure affini. Una vicenda affascinante, raccontata dal massimo specialista in questo campo.
Organizzazione: Associazione BergamoScienza, Fondazione Bergamo nella storia
Interviene: Giorgio Cosmacini, Università Vita Salute San Raffaele di Milano, Università degli Studi di Milano
Introduce: Claudio Visentin, Direttore della Fondazione Bergamo nella storia

Mostra laboratorio
CLICK… E LUCE FU!
dal 6 al 20 ottobre
Convento di San Francesco, Piazza Mercato del fieno 6/a – Città alta
In tre ambienti si sviluppa un percorso interattivo di coinvolgimento con un approccio multidisciplinare al tema della luce: storico (apparecchiature fotografiche, carte de visite, ricostruzione di uno studio di posa); fisiologico (messa a fuoco, dilatazione della pupilla, permanenza dell’immagine sulla retina); psicologico (gli inganni dell’occhio e del cervello); fisico (ombre, colori, energia, rifrazione).
organizzazione: Fondazione Bergamo nella Storia
a cura di: Marcella Jacono, Sergio Pizzigalli, Silvana Agazzi, Adriana Bortolotti

Conferenza – film
HEDY LAMARR: UNA SCIENZIATA A HOLLYWOOD
Domenica 6 ottobre alle ore 21.00 presso l’Auditorium di Piazza della Libertà, Città bassa
A cent’anni dalla nascita ricordiamo Hedy Lamarr (nome d’arte di Hedwig Eva Maria Kiesler), che negli anni ’40 era considerata da molti la donna più affascinante del mondo per la sua esotica e inquietante bellezza. Hedy Lamarr ebbe una vita avventurosa e sorprendente. Nata a Vienna nel 1913, fu la prima attrice a recitare nuda di fronte alla macchina da presa nel film “Estasi” (1933). In fuga dal nazismo e dal primo marito, coinvolto nel commercio di armi con la Germania nazista, cominciò una nuova carriera a Hollywood. Nell’arco di venticinque anni lavorò con i più grandi registi e gli attori più celebrati del suo tempo: da Spencer Tracy a Judy Garland, da Clark Gable a James Stewart. C’è però anche un’altra Hedy Lamarr, molto meno conosciuta: è la matematica e scienziata le cui scoperte, originariamente pensate per guidare i siluri, hanno poi trovato decisiva applicazione nella comunicazione senza fili (Wireless) e in applicazioni quali il Bluetooth e il Wi-Fi.
Introducono: Claudio Visentin, Direttore del Museo storico di Bergamo; Fabio Cleto, Università degli studi di Bergamo; Angelo Signorelli, Lab80.

A seguire proiezione del film: THE CONSPIRATORS
di Jean Negulesco, con Hedy Lamarr, Paul Hendreid, Peter Lorre.
Usa 1944, 101’ versione originale, sottotitoli in italiano
Un melò di guerra sulla scia di “Casablanca”, con Hedy Lamarr al massimo del fulgore. La trama: un patriota olandese lavora a Lisbona per la rete di spionaggio antinazista. Gli avversari sono sul punto di incastrarlo ma…
Organizzazione: Fondazione Bergamo nella storia, Associazione BergamoScienza, Lab80.

E’ morto lo scrittore di thriller Tom Clancy

Tom Clancy è morto a BaltimoraLutto nel mondo della letteratura mondiale. E' morto all'età di 66 anni lo scrittore e ...

Bergamosera intervista Giuseppe Tornatore

Il regista Giuseppe Tornatore"Raffinato e intrigante melodramma sentimentale, imparentato con il giallo e con il mistero". Così la ...