iscrizionenewslettergif
Politica

Berlusconi, ultima mossa: sospendere il giudizio

Di Redazione28 settembre 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

L'ex premier ricusa 10 senatori della giunta. Poi chiede di attendere il pronunciamento della Corte Europea

Berlusconi, ultima mossa: sospendere il giudizio
Silvio Berlusconi

ROMA — Offensiva legale finale quanto disperata per Silvio Berlusconi per evitare la sua decadenza da senatore. Nella memoria difensiva depositata questa mattina in Senato, l’ex premier chiede che “la giunta delle immunità sospenda il giudizio in attesa della decisione della Corte Europea”.

Alla Corte Europea gli avvocati di Berlusconi hanno presentato un ricorso contro la legge Severino e che dovrebbe decidere “in tempi assai ravvicinati, ovvero nell’ordine di pochi mesi”. E’ quanto si legge nella memoria.

Nel frattempo Berlusconi chiede la ricusazione di alcuni membri della giunta del Senato che deve decidere della decadenza. Nel testo invoca le dimissioni dei membri che hanno già espresso una posizione e, in subordine, di sospendere il giudizio e ricusarli. Si tratta di 10 senatori: il presidente Stefano (Sel), Pezzopane (Pd), Buccarella (M5S), Casson (Pd), Crimi (M5S), Cucca (Pd), Fuksia (M5S), Giarrusso (M5S), Pagliari (Pd), Moscardelli (Pd).

“Nessuna utilità vi potrebbe essere nel partecipare a un giudizio del quale si sia già previamente conosciuta la sua conclusione. La presenza delle parti, dell’interessato o di un avvocato non sarebbe che una mera sceneggiata in un copione già ampiamente scritto”, ha aggiunto Berlusconi nel documento difensivo presentato stamattina.

Aumento Iva, Franceschini: non si può fermare

Dario FranceschiniROMA -- Nonostante la bozza del decreto legge sia pronta, non c'è il tempo ...

ll Pdl ritira i ministri: il governo precipita

Berlusconi e AlfanoROMA -- Serviva il casus belli e il casus belli e' arrivato: il mancato rinvio ...