iscrizionenewslettergif
Editoriali

Nuovo Bergamosera: permettete, mi presento

Di Redazione25 settembre 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

E' online la nuova versione del quotidiano. Veste grafica rivoluzionata e attenzione maniacale all'esperienza di lettura

Nuovo Bergamosera: permettete, mi presento
La nuova homepage di Bergamosera

Cari lettori, permettetemi di presentarvi la nostra nuova creatura. Da oggi è online il nuovo Bergamosera, terza versione del sito da quando siamo nati, nell’ormai lontano 2009.

In questi anni Bergamosera è molto cresciuto per contenuti, tecnologie e seguito. Quella che era una scommessa, un po’ visionaria, del sottoscritto (imporre sul mercato bergamasco un prodotto di qualità, diverso dagli altri) si è trasformata in una delle aziende più avanzate del panorama bergamasco.

Dalla nuova sede alla televisione web, oggi Bergamosera è una realtà affermata, seguita da decine di migliaia di persone al giorno, un marchio riconosciuto, un punto di riferimento per innovazione e tecnologia.

“Avete il miglior sito di news per struttura e fruibilità. Chi ve lo fa fare di cambiare?” mi è stato chiesto. Il nostro spirito d’innovazione. Abbiamo voluto sfidare noi stessi, mettendo alla prova le nostre capacità di progettare il futuro. Abbiamo deciso di osare ancora di più per dare a chi ci segue un’esperienza di lettura fuori dal comune.

Il nuovo sito segue questa filosofia. Il nuovo Bergamosera è disegnato con cura maniacale in ogni particolare, per consentire una fruizione unica. Tutto è studiato perché l’attenzione non venga distratta da elementi di disturbo. Ogni elemento è armonico e funzionale all’esperienza di lettura. E il design è calibrato perché il lettore si cali completamente nella realtà della notizia.

Da qui la scelta dei colori, delle caratteristiche grafiche ed editoriali, dello stile inconfondibile, delle features che aiutano il fluire delle parole invece che appesantirle.

Ma non è finita qui. Bergamosera crescerà ancora nei prossimi mesi. Abbiamo in cantiere ulteriori novità che renderanno il nostro quotidiano ancor più unico.

Per questo consentitemi di ringraziare tutte le persone che hanno lavorato su questo progetto. Ognuno ha portato un contributo importante di idee, know how e innovazione, determinante. Ed è stato un onore lavorare con tutti loro.

Sapevamo che superare il vecchio Bergamosera sarebbe stato difficile. Questa mattina, possiamo dire con orgoglio di esserci riusciti…

Wainer Preda
direttore responsabile Bergamosera

E ora Letta chieda le dimissioni alla Idem

Il ministro Josefa Idem Alla fine non si dimette. Il ministro delle Pari opportunità Josefa Idem, a cui sono ...

I drammatici errori di Letta

Enrico LettaC'è qualcosa di diabolico nelle drammatiche giornate politiche che hanno caratterizzato lo scorso fine settimana. ...