iscrizionenewslettergif
Bergamo

Sclerodermia: visite gratuite all’ospedale di Bergamo

Di Redazione19 settembre 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'ospedale di Bergamo

L’ospedale di Bergamo

BERGAMO — Domenica 29 settembre è la Giornata del Ciclamino: migliaia di ciclamini, fiori che resistono al freddo e simboli del G.I.L.S., Gruppo Italiano per la Lotta alla Sclerodermia, coloreranno le piazze italiane per informare e sensibilizzare il pubblico nei confronti di una malattia ancora poco conosciuta, per cui la diagnosi precoce è la cura più efficace.

L’Ospedale di Bergamo aderisce all’iniziativa aprendo le porte degli ambulatori della Reumatologia (ingresso 25, ambulatori 312-313), dove per tutta la mattinata, dalle 9 alle 12, sarà possibile sostenere visite di controllo gratuite, dedicate a chi già convive con la sclerodermia o ha il sospetto di avere la malattia.

“Le visite hanno l’obiettivo di arrivare a diagnosi precoci che permettono poi di fare terapie mirate – ha spiegato Massimiliano Limonta, responsabile della Reumatologia dell’Ospedale Papa Giovanni -. La sclerodermia di solito s i manifesta con il cosiddetto fenomeno di Raynaud, caratterizzato dal fatto che le dita delle mani diventano bianche poi rosse e talvolta bluastre dopo l’esposizione al freddo. Altri sintomi possono rimanere silenti per molti anni rendendo difficile una diagnosi tempestiva e precoce, ad oggi il mezzo migliore per combattere efficacemente questa debilitante patologia cronica autoimmune, c he può colpire oltre alla microcircolazione anche gli organi interni, causando complicazioni, talvolta anche gravi, al cuore, ai reni, ai polmoni e all’apparato gastrointestinale ”

“La ricerca scientifica è la sola strada per studiare le varie sfaccettature della patologia e capirne le cause scatenanti, oggi ancora in larga parte sconosciute – ha spiegato Antonio Brucato, direttore della Medicina dell’Ospedale Papa Giovanni e tra i massimi esperti di malattie autoimmuni -. E con la necessità di sostenere la ricerca è nato nel 1993 il GILS, da tempo molto vicino al nostro ospedale, dove è il principale finanziatore (insieme al Gruppo LES Lombardia e ad ALOMAR-Associazione Lombarda dei malati Reumatici) della borsa di studio grazie alla quale è stato attivato un Ambulatorio dedicato alle donne in gravidanza con malattie reumatiche autoimmuni, che permette alle donne con queste patologie di avere dei figli in sicurezza e serenità “.

Università: Paleari nuovo presidente dei Rettori italiani

Stefano Paleari BERGAMO -- Il Rettore dell'Università di Bergamo Stefano Paleari è diventato presidente della Conferenza dei ...

Pesenti: Italcementi punta sull’innovazione

Carlo Pesenti di Italcementi BERGAMO -- Innovazione, ricerca e sostenibilità. Sono gli elementi al centro della strategia industriale di ...