iscrizionenewslettergif
Italia

Delitto avvocatessa: fermato 36enne con problemi mentali

Di Redazione19 settembre 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Silvia Gobbato

Silvia Gobbato

UDINE — Sarebbe stato un uomo con problemi psichiatrici ad uccidere a coltellate Silvia Gobbato, la giovane avvocatessa di 28 anni assassinata martedì mattina mentre faceva jogging in un parco di Udine.

Si tratterebbe di Nicola Garbino, 36 anni di Zugliano e residente a Pozzuolo del Friuli, senza precedenti penali ma in cura per problemi mentali.

L’uomo è stato fermato dai Carabinieri e ha confessato di essere l’omicida. Ma gli investigatori stanno valutando che non si tratti di un mitomane.

Garbino si muoveva in bicicletta nei parcheggi del centro commerciale Città Fiera di Martignacco con uno zainetto dove teneva abiti e un coltello da cucina sporco di sangue. Ai carabinieri ha detto di essere l’omicida. “Mi avete beccato”, pare abbia detto ai militari che lo avevano fermato mentre lo portavano nella caserma del Comando provinciale dei carabinieri.

Secondo quanto si è appreso da ambienti investigativi, l’uomo avrebbe sulle braccia graffi e segni compatibili con l’aggressione alla ragazza. Sembra inoltre che conoscesse già Silvia Gobbato.

Nonostante il cognome sia della zona, il sindaco, Nicola Turello, ha detto di non conoscere Garbino precisando che non risulta fosse seguito dai servizi sociali.

Scuole: lesioni strutturali in una su sette

Preoccupante rapporto di Cittadinanzattiva sulle scuole ROMA -- Lesioni strutturali in una scuola su 7, distacchi di intonaco in una su ...

Cadavere incastrato per due giorni fra gli scogli

Moneglia GENOVA -- L'hanno trovato incastrato fra i massi, sugli scogli, morto da due giorni. E' ...