iscrizionenewslettergif
Advisor

Investimenti: il mercato obbligazionario

Di Fabio Invernici17 settembre 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Investimenti: il mercato obbligazionario

Investimenti: il mercato obbligazionario

Le disastrose perfomance messe a segno da inizio anno dall’obbligazionario emergente (record dal 1988) sono comunque in linea con il maggiore beta degli EM, tuttavia i rendimenti sono risultati maggiormente negativi a causa dell’alta duration complessiva degli indici principali di questa asset class.

Inoltre, il debito emergente ha subito un eccezionale outflow a favore del debito US High Yield e del money market (flight to quality).

Infine, quasi tutte le monete emergenti hanno perso nei confronti del dollaro ad eccezione del CNY.

Per la seconda metà dell’anno il consensus vede la seguente evoluzione del tasso decennale americano: fine 2013 al 2.85%, metà 2014 al 3,25%, fine 2014 in area 4%.

Queste considerazioni, unite alle aspettative di riduzione degli spread dei paesi emergenti, potrebbero tradursi in un rendimento tra il 4 ed il 5% da qui a fine 2013, per un saldo annuo finale tra -3.9 e -2.4%, per la prima volta in negativo dal 2008.

 

Per leggere gratuitamente l'analisi completa dei mercati finanziari, compila il form sottostante.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Recapito

Il documento è redatto al solo scopo informativo e non è diretto né costituisce in alcun modo una sollecitazione al pubblico risparmio o un incoraggiamento ad alcuna forma di investimento o speculazione. Chiunque ne faccia uso diverso da quello per cui è stato pensato se ne assume piena responsabilità.

Acconsento al trattamento per l'invio dell'analisi in oggetto.

Acconsento alla cessione dei dati esclusivamente a Sofia SGR per le finalità visibili attraverso l'advertising presente nella pagina.

Investimenti: focus sulla Cina

Focus sui mercati orientali Le prospettive di un deleveraging (riduzione del livello di indebitamento) del sistema bancario cinese sono ...

La “distruzione creatrice” che porta innovazione

L'economista Joseph SchumpeterIl termine «distruzione creatrice» è stato coniato dall’economista Joseph Schumpeter nel 1942 ed esprime il ...