iscrizionenewslettergif
Esteri

Pinochet usava le canzoni di Iglesias come tortura

Di Redazione11 settembre 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Julio Iglesias

Julio Iglesias

SANTIAGO, Cile — Per torturare gli oppositori al regime di Pinochet utilizzavano canzoni di Julio Iglesias, sparate a tutto volume, senza sosta. E’ quanto emerge da uno studio dell’Università di Manchester, in Gran Bretagna.

La ricerca è stata presentata in occasione del 40esimo anniversario del colpo di Stato con cui l’11 settembre 1973 fu rovesciato il governo di Salvador Allende.

Stando allo studio gli agenti del dittatore Augusto Pinochet usavano durante le torture contro oppositori e dissidenti la musica del cantante spagnolo, diffusa senza soluzione di continuità e a volume spropositato.

Oltre alle canzoni di Iglesias, venivano usati – tra gli altri – brani della cantante francese di origine italiana Dalida.

Siria: Obama apre alla proposta russa (video)

Barack Obama nel suo discorso alla nazione WASHINGTON, Usa -- Segnali di distensione. Ieri sera, nel suo discorso alla Nazione, sulla questione ...

Putin: le armi chimiche le hanno usate i ribelli

Il presidente russo Vladimir Putin MOSCA, Russia -- "Non c'è dubbio che sia stato usato gas in Siria, ma ci ...