iscrizionenewslettergif
Provincia

Yara, spunta una pista che porta a Pavia

Di Redazione9 settembre 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Gli investigatori sul luogo del ritrovamento di Yara

Gli investigatori sul luogo del ritrovamento di Yara

BERGAMO — Porterebbe in provincia di Pavia la nuova pista investigativa seguita dagli investigatori che indagano sull’omicidio di Yara Gambirasio. Lo sostiene la trasmissione televisiva “Quarto grado”.

Secondo quanto affermato dai giornalisti della trasmissione, sempre seguendo la pista del Dna del presunto padre dell’assassino, Giuseppe Guerinoni, gli investigatori sarebbero arrivati a Salice Terme. Qui infatti  Guerinoni avrebbe soggiornato due settimane, ogni anno, ancor prima di sposarsi (nel 1963), nella cittadina alle pendici dell’Appennino tosco-emiliano.

È presumibile che durante questi periodi, l’uomo abbia conosciuto la futura madre del proprio figlio illegittimo, sostiene “Quarto Grado”.

Consultando gli elenchi forniti dall’Inps – che aveva pagato le cure – e i registri degli hotel di Salice Terme, le forze dell’ordine mirano a risalire alla donna che ha frequentato questa zona, in corrispondenza dei soggiorni di Guerinoni, negli anni Sessanta.

Secondo quanto rivelato, la donna poi sarebbe tornata nel Bergamasco con il bambino, negli stessi luoghi dove ha colpito l’assassino di Yara. Gli inquirenti dovranno quindi consultare i faldoni relativi a quei decenni (i dati digitali partono dal 1994), stipati nell’archivio Inps di Pomezia.

Ritrovato il ragazzo scomparso nei boschi

Ragazzo scompare nei boschi GANDELLINO -- E' stato ritrovato questa notte Daniele Madaschi, il ragazzo disperso nei boschi sopra ...

Passanti salvano due giovani dal rogo dell’auto

Passanti salvano due giovani dal rogo dell'auto GANDINO -- Due passanti hanno salvato due giovani incastrati nella loro auto che si era ...