iscrizionenewslettergif
Esteri

Usa, l’attacco alla Siria slitta dopo il 9 settembre

Di Redazione2 settembre 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Barack Obama

Barack Obama

WASHINGTON, Usa — L’attacco alla Siria, se mai ci sarà, slitta dopo il 9 settembre. E’ infatti questa la data in cui il Senato voterà la risoluzione sull’uso della forza in Siria e a cui il presidente Barack Obama si atterrà, dopo le indiscrezioni che davano l’intervento militare contro il regime di Assad imminente.

Ieri il capo della maggioranza Harry Reid ha detto che la prossima settimana il Senato farà pubbliche audizioni e avrà briefing top secret con i vertici dell’amministrazione. “Credo che l’uso della forza sia giustificato e necessario”, ha setto Reid, secondo il quale il regime siriano ha commesso “atrocità” contro civili con un attacco a base di armi chimiche.

Ben diversa la lettura dei siriani. La determinazione della Siria a rispondere ad un attacco americano “ha sventato l’aggressione” sostiene il vice premier Qadri Jamil. “Rimaniamo con il dito sul grilletto”, ha aggiunto Jamil, sottolineando che la Siria continua ad avere “grande fiducia nei suoi alleati” e che la risposta ad un attacco potrebbe colpire ovunque. Alleati che, detto per inciso, rispondono al nome di Russia e Iran.

Le provocazioni si sprecano. “Che l’annuncio di ieri del presidente americano Barack Obama sia solo un rinvio o un dietrofront, l’atteggiamento dell’amministrazione Usa su un possibile attacco in Siria è diventato ormai oggetto di sarcasmo da parte di tutti”, continua Qadri Jamil.

La decisione del presidente Usa Barack Obama di chiedere l’autorizzazione del Congresso per attaccare la Siria è l’inizio della “ritirata” americana: lo afferma il quotidiano statale siriano Al-Thawra in un editoriale in prima pagina. “Obama ha annunciato ieri, direttamente o implicitamente, l’inizio della storica ritirata americana”, scrive.

Fukushima: le radiazioni uccidono in 4 ore

La centrale atomica di Fukushima FUKUSHIMA, Giappone -- La situazione delle centrale nucleare di Fukushima è ben peggiore delle previsioni. ...

Attacco alla Siria: il niet della Russia

La portaerei americana Nimitz MOSCA, Russia -- Sale la tensione internazionale per il previsto attacco degli Stati Uniti alla ...