iscrizionenewslettergif
Politica

Berlusconi: firmato l’ordine di esecuzione della pena

Di Redazione2 agosto 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

MILANO — Il pubblico ministero di Milano Ferdinando Pomarici ha firmato l’ordine di esecuzione con sospensione della pena per Silvio Berlusconi, condannato in via definitiva a 4 anni di reclusione per frode fiscale al processo Mediaset.

Da quanto si è saputo, la Procura ha affidato l’ordine di esecuzione della pena con sospensione, e dunque con la possibilità di richiedere l’affidamento in prova ai servizi sociali o la detenzione domiciliare, ai carabinieri per la notifica dell’atto al Cavaliere.

Al momento non si sa se la notifica sia già avvenuta o meno.

La procura di Milano inoltrerà in giornata al Senato l’estratto esecutivo della sentenza a carico di Silvio Berlusconi come prevede la Legge anticorruzione. Il dispositivo verrà trasmesso oggi dalla Procura di Milano alla presidenza del Senato.

La cosiddetta “legge anti-corruzione” varata dal Governo Monti nel 2012, prevede che “non possono essere candidati e non possono comunque ricoprire la carica di deputato e di senatore coloro che hanno riportato condanne definitive a pene superiori a 2 anni di reclusione, per delitti non colposi, consumati o tentati, per i quali sia prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a quattro anni”.

Le norme sull’incandidabilità operano indipendentemente rispetto alla pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici che dovrà essere rideterminata nei prossimi mesi dalla Corte d’Appello di Milano. Dopodiché dovrà esprimersi il Senato con un voto in Giunta e uno in aula.

Berlusconi: magistratura irresponsabile (video)

Silvio Berlusconi nel videomessaggio ROMA -- Provato, molto provato, ma tutt'altro che domo. Così Silvio Berlusconi si è presentato ...

Berlusconi, comizio a Roma: io non mollo

Berlusconi durante il comizio di ieri a Roma ROMA -- Un comizio più o meno improvvisato, certamente non autorizzato dalla questura, in via ...