iscrizionenewslettergif
Politica

Berlusconi in Cassazione, governo col fiato sospeso

Di Redazione30 luglio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

ROMA — Nonostante le rassicurazioni, saranno due giorni di fibrillazione per il governo del paese. E’ tutto pronto in Cassazione, dove questa mattina prenderà il via l’analisi del ricorso presentato da Silvio Berlusconi per il processo Mediaset, nella quale il Cavaliere è stato condannato in primo e secondo grado per frode fiscale.

Secondo l’accusa Berlusconi avrebbe evaso nel 2002 e 2003 7 milioni di euro. Per questo è stato condannato a quattro anni di reclusione, tre dei quali coperti da indulto, e a cinque anni di interdizione dai pubblici uffici. Con lui saranno giudicati anche il produttore statunitense Frank Agrama, ritenuto suo ‘socio occulto’, oltre agli ex manager Daniele Lorenzano e Gabriella Galetto.

Assegnato alla così detta sezione ‘feriale’ per evitare che la spugna della prescrizione dimezzi il reato contestato, oggi la vicenda sulle presunte irregolarità nella compravendita delle royalties dei film destinati al piccolo schermo entra di nuovo in un’aula di giustizia.

Salvo rinvii, la sentenza potrebbe arrivare domani o giovedì.

E’ evidente che la vicenda, come ha già anticipato ieri Maria Stella Gelmini, avrà strascichi politici di rilievo. In caso di condanna definitiva, il leader del Pdl verrebbe estromesso dalla vita parlamentare. Il che avrebbe certamente ripercussione sul governo Letta.

Maroni: il 75 per cento delle tasse resti in Lombardia

Roberto Maroni MILANO -- "Le risorse tributarie dovranno per forza rimanere sui nostri territori perché non possiamo ...

Processo a Berlusconi: chiesta riduzione dell’interdizione

Silvio Berlusconi ROMA -- Il mondo politico italiano attende con ansia la sentenza della Cassazione sul processo ...