iscrizionenewslettergif
Economia

Investimenti: i listini dei mercati emergenti

Di Redazione23 luglio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Sguardo sui mercati emergenti

Sguardo sui mercati emergenti

I listini dei mercati emergenti hanno raggiunto livelli di prezzo interessanti tali che, forse, è un buon momento per accumulare posizioni su tali aree.

Asset class snobbata dagli investitori che, dopo il pesante ritracciamento dall’inizio dell’anno, ha sottoperformato rispetto ai paesi più sviluppati portando l’asticella sul rosso. Varie le cause di quanto detto, su tutte il rallentamento della crescita economica in alcune economie come Brasile, Cina e India, oltre all’effetto delle dichiarazioni di Bernanke sul rallentamento della politica monetaria espansiva Usa che hanno avuto come effetto l’uscita di buona parte dei flussi da questi mercati.

In seguito alla correzione dei prezzi sull’equity, si è vista anche una discesa delle valutazioni, cosa che non accadeva da almeno un quinquennio.

 

Per leggere gratuitamente l'analisi completa dei mercati finanziari, compila il form sottostante.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Recapito

Il documento è redatto al solo scopo informativo e non è diretto né costituisce in alcun modo una sollecitazione al pubblico risparmio o un incoraggiamento ad alcuna forma di investimento o speculazione. Chiunque ne faccia uso diverso da quello per cui è stato pensato se ne assume piena responsabilità.

Acconsento al trattamento per l'invio dell'analisi in oggetto.

Acconsento alla cessione dei dati esclusivamente a Sofia SGR per le finalità visibili attraverso l'advertising presente nella pagina.

Confapi: 108 euro in più per lavoratori informatica

Nuovo contratto per le aziende informatiche e grafiche Confapi MILANO -- E' stato firmato ieri mattina a Milano, nella sede di Confapi Industria, il ...

Draghi, segnali positivi: ripresa nei prossimi mesi

Mario Draghi FRANCOFORTE, Germania -- Si comincia a respirare un clima più fiducioso, almeno in Europa, per ...