iscrizionenewslettergif
Prima periferia

Aeroporto, Cgil: no a vendita azioni di Comune e Provincia

Di Redazione18 luglio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'aeroporto di Orio al Serio

L’aeroporto di Orio al Serio

BERGAMO — La possibilità di vendita delle partecipazioni azionarie del Comune di Bergamo e della Provincia in Sacbo, la società di gestione dell’aeroporto, e la contestuale acquisizione da parte del Fondo di investimento F2I di Vito Gamberale, preoccupa i sindacati.

E così oggi, il segretario provinciale della Cgil Luigi Bresciani ha consegnato alla stampa i suoi timori: “Il continuo stillicidio di notizie in questa direzione rischia di introdurre elementi di instabilità e incertezza sul futuro di un’infrastruttura strategica per il nostro territorio, che ha invece bisogno di certezze e stabilità. L’aeroporto impiega circa tremila persone, più altre migliaia di lavoratori dell’indotto. Per questo motivo le scelte proprietarie devono avere come priorità lo sviluppo del piano industriale dell’aeroporto e la qualità del lavoro”.

“Crediamo sia necessario far svolgere all’aeroporto una funzione primaria dentro il sistema aereoportuale del Paese. Questa esigenza non può però legittimare qualsiasi operazione azionaria e soprattutto non possiamo continuare ad apprendere dai giornali notizie di una rilevanza tale che, se confermate, vedrebbero gli attuali attori del territorio in una posizione non più determinante con la rottura del Patto di Sindacato che li lega. Via il pubblico dall’Aeroporto può significare solo una cosa: il territorio non conterà più nulla” continua Bresciani.

“Quelli che rimarrebbero in Sacbo, compresi gli Istituti di credito presenti, non rispondono al territorio. Banca Popolare di Bergamo e Credito Bergamasco fanno parte di Gruppi bancari nazionali, con interessi anche in territori diversi dal nostro. Perché dovrebbero difendere solo gli interessi del territorio bergamasco?” si chiede il sindacalista.

“Per queste ragioni gli azionisti pubblici devono chiarire le proprie intenzioni e i propri progetti. L’aeroporto di Orio ha rappresentato negli ultimi anni la leva di sviluppo economico dell’intera provincia di Bergamo, ed è evidente come le scelte che riguardano un’infrastruttura così importante condizionino fortemente il PIL bergamasco. E’ per questa ragione che vorremmo una discussione pubblica trasparente in cui le Istituzioni e i possibili acquirenti informino il territorio delle strategie future”, conclude Bresciani.

Miss Divina show: a Orio spettacolo drag queen

Miss Divina Show ORIO AL SERIO -- Dopo il grande successo dello scorso anno, ritorna l'appuntamento più caldo ...

Seriate, trova un pitone sul balcone di casa

Un esemplare di pitone SERIATE -- Mentre in Canada sono in corso le indagini per scoprire come abbia fatto ...