iscrizionenewslettergif
Politica

Discariche: niente nuove autorizzazioni dalla Regione

Di Redazione3 luglio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il Pirellone

Il Pirellone

MILANO –Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità una mozione che impegna la Giunta a definire criteri che stabiliscano il limite di sostenibilità della localizzazione di discariche su un medesimo territorio.

Con la mozione, fra i criteri per la localizzazione e all’interno del piano regionale per la gestione dei rifiuti, si introduce un “fattore di pressione”, per evitare che d’ora in avanti si verifichino situazioni di concentrazione di impianti in una stessa area.

La Giunta valuterà la possibilità di sospendere le autorizzazioni di nuove discariche fino a quando tali criteri non saranno determinati.

“Questo impegno ha un significato generale – ha sottolineato Parolini – anche se scaturisce dalle problematiche di un contesto particolare, quello di Montichiari”. “Condivido la preoccupazione per la situazione dell’area di Montichiari” ha affermato l’assessore Claudia Terzi , “si tratta di una premessa necessaria per un nuovo tipo di ragionamento sulla gestione dei rifiuti”. “Il fattore di pressione, relativo alla presenza di discariche in ciascun Comune, sarà un indicatore importante per definire i livelli di sostenibilità degli impianti per ciascun territorio”.

Con le sole astensioni dei consiglieri Laura Barzaghi, Onorio Rosati e Mario Barboni (Pd), il Consiglio regionale ha poi approvato la mozione che impegna la Giunta lombarda ad incentivare le politiche di riduzione, riciclaggio e raccolta differenziata dei rifiuti urbani; a prevedere un sistema integrato di raccolta, trattamento, riciclaggio e smaltimento che abbia come obiettivi la marginalizzazione del conferimento in discarica e l’incenerimento dei rifiuti; a non consentire progetti di ampliamento (in termini di capacità di smaltimento rispetto ai quantitativi ad oggi effettivamente trattati) di impianti quali quelli di Desio, Dalmine, Brescia, Cremona, Trezzo sull’Adda, Corteolona.

“La Giunta e l’assessorato in particolare – ha aggiunto l’assessore Terzi – si sono impegnati affinchè le previsioni di costante incremento della produzione rifiuti, ormai ampiamente superate e ereditate dai precedenti atti di programmazione, non legittimino prima dell’approvazione del Programma Regionale di Gestione dei rifiuti la realizzazione di interventi impiantistici tesi a garantire un maggior conferimento di rifiuto urbano indifferenziato agli impianti”.

“A tal fine – ha aggiunto – l’esecutivo sta predisponendo una modifica alla legge di settore affinchè tutte le autorizzazioni rilasciate prima dell’approvazione del Piano siano considerate alla luce dei nuovi scenari previsionali”.

Datagate: il Copasir sente il direttore dei Servizi

Giacomo Stucchi, presidente del Copasir ROMA -- Il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica (Copasir), presieduto dal senatore bergamasco ...

Anelli: Lombardia non diventi immondezzaio d’Italia

il consigliere regionale bergamasco Roberto Anelli MILANO -- Approvata mozione bipartisan al Pirellone per bloccare l’ampliamento degli impianti di incenerimento rifiuti ...