iscrizionenewslettergif
Bergamo

Case vacanza: respinto patteggiamento di Zambelli

Di Redazione3 luglio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Palazzo di giustizia a Milano

Palazzo di giustizia a Milano

BERGAMO — Niente patteggiamento per Dario Zambelli, l’ex manager della Cisl di Bergamo finito sotto accusa per un presunto giro di tangenti relative agli appalti per la case vacanza del Comune di Milano.

Il giudice per le indagini preliminari di Milano ha respinto la richiesta di patteggiamento di Zambelli, ritenendo “non congrua” la proposta di una pena di un anno e 6 mesi.

Patteggiamento concesso invece agli imprenditori Ugo Rossetti e Ivan Montini, rispettivamente a un anno e 4 mesi e a un anno. Secondo le indagini, i due, insieme a Zambelli e in accordo con l’ex funzionario del Comune di Milano, il bergamasco Patrizio Mercadante, avrebbero spartito fra di loro gli appalti di Palazzo Marino nel campo delle colonie estive per bambini.

Secondo l’accusa il prezzo dell’accordo corruttivo per l’assegnazione delle gare d’appalto è stato di 150mila euro. Gli investigatori avrebbero individuato negli spostamenti di denaro fra le società la presunta tangente. Per questo furono arrestati tra l’ottobre 2012 e il febbraio 2013.

Zambelli, Rossetti e Montini hanno chiesto il patteggiamento, concordandolo con i pubblici ministeri. Ma il giudice non ha accolto la proposta di Zambelli su cui pesano le accuse di turbativa d’asta e corruzione. Gli atti sono stati rimandati al pubblico ministero.

Tifo violento: chiesto rinvio a giudizio per 151 ultras

Tifo violento: chiesti 151 rinvii a giudizio BERGAMO -- Drastico giro di vite della Procura di Bergamo contro il tifo violento. Il ...

Bergamo, cominciano sabato 6 luglio i saldi estivi

Cominciano sabato i saldi estivi a Bergamo e provincia BERGAMO -- Cominciano il prossimo sabato 6 luglio i saldi estivi a Bergamo e provincia. ...