iscrizionenewslettergif
Salute

Ginecologi: obiettori 7 su 10

Di Redazione1 luglio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Ginecologi: obiettori 7 su 10

Ginecologi: obiettori 7 su 10

Quasi sette ginecologi su 10 sono obiettori di coscienza e quindi non praticano interruzioni volontarie di gravidanza.

“E’ necessario rispettare la piena libertà di scelta individuale sia delle donne che dei medici – ha affermato Nicola Surico, presidente della Società Italiana di Ginecologia ed Ostetricia (Sigo) -. Ci sono alcuni ospedali che per poter assicurare le interruzioni volontarie di gravidanza devono chiamare personale da fuori. E’ una situazione intollerabile”.

“Al tempo stesso imporre il limite massimo del 30 per cento di obiettori è un rimedio eccessivo ed irrealizzabile. Nei reparti di ginecologia per effettuare questo servizio possono bastare 2-3 medici che si alternano. Una possibile soluzione è quella di riservare nei concorsi pubblici un numero di posti per medici non obiettori di coscienza, ma senza stravolgere gli attuali criteri di assunzione per entrambe le categorie”.

“Promuovere la procreazione responsabile è il modo più efficace di prevenire l’aborto – sottolinea Surico -. La mozione di Sel propone giustamente il potenziamento dei consultori familiari. Questi luoghi sono stati istituiti dalla Legge 194 e possono avere un ruolo fondamentale nell’educazione sessuale delle categorie attualmente più a rischio, ovvero i giovani e la popolazione d’origine straniera. Anche nelle scuole pubbliche e’ necessario istituire al più presto corsi obbligatori di educazione alla sessualità”.

Farmacisti: allarme mercato parallelo dei medicinali

Rastrellano farmaci e li rivendono all'estero: allarme dai farmacistiL'indagine è locale, il problema nazionale. Federfarma Salerno ha istituito una commissione ad hoc che ...

Rughe: tutta colpa degli zuccheri

Gli zuccheri non son solo causa di chili di troppo, ma perfino delle rughe. La notizia ...