iscrizionenewslettergif
Esteri

Datagate, cresce lo scandalo: gli Usa spiano anche l’Europa

Di Redazione30 giugno 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
National Security Agency spiava anche l'Europa

National Security Agency spiava anche l’Europa

BERLINO, Germania — Si allarga lo scandalo Datagate. L’Unione Europea ha chiesto immediate spiegazioni agli Stati Uniti d’America che, attraverso la Nsa (National Security Agency) e il suo programma Prism avrebbero spiato milioni di utenti anche in Europa.

“Uno spionaggio sistematico ai danni dell’Europa e delle sue istituzioni”, riferisce un comunicato della Commissione europea.

“Abbiamo preso immediatamente contatto con le autorità americane a Washington e Bruxelles, chiedendo loro spiegazioni sulle informazioni di stampa. Le autorità americane hanno detto che verificheranno l’esattezza delle informazioni pubblicate ieri e ci daranno conto”, si legge nel comunicato della Commissione europea.

Secondo quanto pubblicato dal settimanale tedesco “Der Spiegel”, la Nsa teneva sotto controllo circa mezzo miliardo di comunicazioni internet e telefoniche, molto più di quanto finora noto. La Germania era al centro delle intercettazioni ancor più della Francia.

Spiate mail, telefonata, sms, collegamenti internet e chat. Particolarmente osservata Francoforte, sede della Bce, della Bundesbank e delle banche tedesche.

L’Nsa avrebbe controllato ogni giorno in media 20 milioni di collegamenti telefonici e 10 milioni di dati internet. In giornate particolarmente ‘calde’, come il 7 gennaio del 2013, solo le intercettazioni telefoniche sarebbero state circa 60 milioni.

Inchiesta Ior: tre arresti in Vaticano

La sede dello Ior, la banca del Vaticano ROMA -- La Procura della Repubblica di Roma ha disposto l'arresto di un alto prelato ...

Arizona, incendio uccide 19 pompieri

L'incendio in Arizona costato la vita a 19 pompieri PHOENIX, Usa -- E' stata una giornata tragica ieri per il corpo dei vigili del ...