iscrizionenewslettergif
Readers

Tasse: per equità cambiamo drasticamente sistema fiscale

Di Redazione13 giugno 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Cambiare il sistema fiscale

Cambiare il sistema fiscale

BERGAMO — Ho letto nei giorni scorsi sulla stampa locale un articolo circa il progetto pilota che un gruppo di artigiani di Milano vorrebbe attuare, dando vita ad un’associazione, chiamiamola di mutuo soccorso, per fare fronte alla crisi che ha messo in ginocchio tante piccole e medie imprese.

Il vecchio detto “l’unione fa la forza” è sempre attuale e non dubito che, a livello di contrattazione per esempio con le banche, la voce di cento artigiani sia più forte di quella di uno solo.Lo stesso varrebbe per tutte le altre utenze, come, giustamente rileva l’articolista. Quindi: un notevole risparmio per questa categoria di lavoratori. Si fa poi notare che questa riduzione di spese per gli artigiani, porterebbe ad un’inevitabile abbassamento delle tariffe, eliminando il diritto fisso di chiamata che viene definito “croce dei consumatori”.

Mah…Se è una croce, è molto più leggera rispetto a quella “vera croce” di non poter dedurre gli esborsi derivati da queste prestazioni. Perché, parliamoci chiaro, quante volte succede che, per evitare l’Iva, che resta sul gobbo, si preferisce pagare in nero?

Non nascondiamoci dietro un dito. E, soprattutto, smettiamola di farci prendere in giro. Gli esperti mi dicono “per poter dare la possibilità a tutti di detrarre queste spese, bisognerebbe sconvolgere il sistema fiscale italiano”. E allora sconvolgiamolo. Sono convinto che la pluriennale e scandalosa piaga dell’evasione fiscale riceverebbe un duro colpo, ridistribuendo, nello stesso tempo, una tassazione più omogenea e finalmente più equa.

Voglio ricordare, e concludo, che non più di tre mesi fa Enrico Letta durante un convegno, mi sembra a Trento, ha dichiarato che era doveroso ipotizzare e mettere anche in pratica di poter dare la possibilità a tutti di dedurre certe tipologie di spesa, riferendosi appunto a quelle legate, per esempio, alla manutenzione di una casa.

Non erano promesse elettorali, che si sa quanto poco valgono. Era un’ affermazione, dettata dalla logica di creare un sistema fiscale che non deve più penalizzare sempre gli stessi.
Spero che adesso che è presidente del Consiglio, si ricordi quello che ha detto.

Giorgio Giannitti

Discarica amianto, Legambiente: Sabb esca dalla Team

Il terreno su cui è prevista la discarica d'amianto TREVIGLIO -- Intendiamo intervenire, a fronte delle ultime dichiarazioni di varie forze politiche e sociali, ...

L’irrisolta questione settentrionale

Il cappio leghista in Parlamento Sono passati vent’anni, ma sembrano solo di ieri le immagini di quel cappio sventolato in ...