iscrizionenewslettergif
Prima periferia

Assassinato in Brasile: i mandanti sono tre bergamaschi

Di Redazione6 giugno 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I carabinieri di Bergamo hanno arrestato i mandanti dell'omicidio Puppo

I carabinieri di Bergamo hanno arrestato i mandanti dell’omicidio Puppo

BERGAMO — Tre imprenditori bergamaschi sono stati arrestati dai carabinieri di Bergamo con l’accusa di essere i mandanti dell’omicidio del 42enne Roberto Puppo, di Levate, ucciso a colpi di pistola in Brasile nel 2010.

I tre agivano nel settore immobiliare. Per loro l’accusa è omicidio premeditato. Secondo le ultime notizie trapelate, i tre avrebbero fatto uccidere da sicari del posto il 42enne di Levate per riscuotere una polizza vita da oltre un milione di euro che Puppo aveva, ingenuamente, stipulato a loro beneficio.

Roberto Puppo ricorderete, era un operaio della Siac con ambizioni di fare l’imprenditore in Brasile. Il 24 novembre del 2010 era stata ritrovato in una pozza di sangue sul ciglio di una strada a Satuba, nel nord est del Paese.

L’uomo era stato crivellato di colpi. All’inizio si è pensato a una rapina. Poi a una questione relativa alla malavita organizzata con tanto di esecuzione. Poi, passo dopo passo, la polizia brasiliana ha arrestato una donna di 30 anni e un uomo di 42 anni, Cosme Alves da Silva che avrebbero pagato 350 euro a un ragazzo di 17 anni, a sua volta arrestato, per uccidere Puppo.

Poi le manette erano scattate anche per il taxista, che aveva traportato il bergamasco e i suoi assassini, e che avrebbe assistito all’omicidio.

Ieri la svolta, con l’arresto dei mandanti del terribile omicidio.

Cadavere nel Serio: è un’anziana di Pradalunga

I carabinieri in azione ALZANO LOMBARDO -- E' stato identificato il corpo senza vita affiorato lunedì dalla acque del ...

Bni: secondo capitolo a Bergamo

Bni: secondo capitolo a Bergamo BERGAMO -- Imprenditori e professionisti bergamaschi si mettono sempre più in “rete” e basandosi su ...