iscrizionenewslettergif
Bergamo

Alpini: un libro per raccontare l’asilo del sorriso

Di Redazione4 giugno 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'asilo di Rossoch

L’asilo di Rossoch

BERGAMO — In libro per raccontare il contributo degli alpini alla costruzione dell’Asilo del sorriso di Rossoch, in Russia, a vent’anni dalla sua costruzione. E’ quanto presenterà il prossimo sabato 8 giugno, nella sede bergamasca dell’Ana (in via Gasparini30), la sezione alpini di Bergamo.

L’Associazione nazionale alpini ha raccolto le testimonianze in un libro intitolato “Ritorniamo a Rossosch – Operazione Sorriso” che sarà presentato da Cesare Poncato e Lino Chies, alle ore 17.

Alle presentazione parteciperanno, tra gli altri, il neo presidente dell’Ana Sebastiano Favero e il presidente della sezione di Bergamo Carlo Macalli.

Il 19 settembre 1993 l’Associazione nazionale alpini, rappresentata allora dal presidente nazionale bergamasco Leonardo Caprioli, inaugurò un asilo a Rossosch (Russia), città che durante la Seconda guerra mondiale era stata la sede del Corpo d’armata alpino.

Nel cantiere dell’«Asilo sorriso», così chiamato a testimonianza del rinnovato sentimento di pace e fraternità tra i popoli, lavorarono circa 600 volontari alpini, molti dei quali appartenenti a gruppi Ana orobici.

Grazie alle numerose offerte libere e di materiali l’opera fu completata in soli due anni. Vennero successivamente realizzate alcune parti esterne come la piscina, il piazzale e il giardino e seguirono le manutenzioni quasi annuali.

Ex Riuniti: l’area continuerà ad essere presidiata

L'area del vecchio ospedale di Bergamo BERGAMO -- La sicurezza dell'area di Largo Barozzi, un tempo sede degli Ospedali Riuniti di ...

Sequestrata e violentata: tredicenne denuncia aggressione

Una volante della Polizia BERGAMO -- Gli agenti della Squadra mobile della Questura di Bergamo stanno indagando sul caso ...