iscrizionenewslettergif
Poesie

“Agli dèi della mattinata” di F.Fortini

Di Redazione3 giugno 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Il vento scuote allori e pini.
Ai vetri, giù acqua.
Tra fumi e luci la costa la vedi a tratti,
poi nulla.
La mattinata si affina nella stanza tranquilla.
Un filo di musica rock, le matite, le carte.
Sono felice della pioggia.
O dèi inesistenti,
proteggete l’idillio, vi prego.
E che altro potete,
o dèi dell’autunno indulgenti dormenti,
meste di frasche le tempie?
Come maestosi quei vostri luminosi cumuli!
Quante ansiose formiche nell’ombra!

“Gong” di Carlo Bordini

Strano che io sia un bam- bino capriccio- so che protesta per- ché la mamma ...

“Al mio bambino” di Rabindranath Tagore

"Da dove vengo, dove mi hai trovato? » domanda il neonato alla mamma. Lei piange e ...