iscrizionenewslettergif
Esteri

Assad: ho ricevuto missili antiaerei dalla Russia

Di Redazione31 maggio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Missili russi S-300

Missili russi S-300

DAMASCO, Siria — Il presidente siriano Bashar Assad ha dichiarato pubblicamente di aver ricevuto nuove batterie di missili antiaerei S-300 dalla Russia. Il che renderebbe oggettivamente più rischioso qualsiasi attacco occidentale, in stile Libia, contro la Siria.

Assad ha accusato la Turchia, l’Arabia Saudita e il Qatar di aver fatto entrare in Siria “centomila uomini armati” per combattere il regime.

In risposta alla pressione internazionale, la tv Al Manar, vicina agli Hezbollah iraniani, ha pubblicato un’intervista in cui Assad spiega che la Siria ha già ricevuto il primo carico di missili S-300 dalla Russia e presto ne riceverà altri. Si tratta di ordigni terra-aria molto sofisticati e con lungo raggio d’azione che renderebbe difficilmente penetrabile lo spazio aereo siriani, impedendo attacchi esterni.

La notizia è stata smentita dai russi. Fonti vicine al ministero della Difesa di Mosca riferiscono che «il sistema stesso» (formato da una batteria semovente che trasporta i missili) deve essere ancora consegnato alla base navale russa nel porto siriano di Tartus. Mentre potrebbero essere già stati consegnati i radar che servono all’acquisizione dei bersagli.

Martedì Mosca aveva confermato la volontà di fornire a Damasco missili come “misura di deterrenza” contro un intervento straniero sul suolo siriano.

Israele, dopo l’annuncio russo, ha avvertito che “saprà cosa fare” se la fornitura andrà in porto.

La sonda Voyager ai confini del sistema solare

La sonda Voyager vicina ai limiti del sistema solare WASHINGTON, Usa -- Dopo 36 anni di viaggio spaziale alla velocità di 60mila chilometri all'ora, ...

Trovato mammut con sangue intatto

Il mammut ritrovato in Siberia con il sangue intatto MOSCA, Russia -- Il sogno (o meglio l'incubo) della clonazione di un animale estinto si ...