iscrizionenewslettergif
Esteri

Video choc in Siria: ribelle mangia cuore di un soldato

Di Redazione15 maggio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
video choc, siria, ribelle,

Abu Sakkar in un fermo immagine tratto dal video choc

DAMASCO, Siria — Si è fatto riprendere in un video diffuso online attraverso Skype mentra mangiava il cuore di un soldato siriano. Protagonista della macabra vicenda un ribelle della guerriglia anti-Assad.

L’Organizzazione per la difesa dei diritti umani Human Rights Watch e la Coalizione dell’opposizione nazionale siriana hanno condannato fermamente il macabro video che ritrae un ribelle siriano mentre taglia il cuore di un soldato di Assad e se lo porta alla bocca, nell’atto di mangiarselo.

Secondo le ultime notizie, l’aspirante cannibale sarebbe il comandante della brigata ribelle “Omar al Faruq”. Si tratterebbe di un capo ribelle, Abu Sakkar. L’uomo proferisce anche degli insulti all’indirizzo contro gli alawiti e porta il cuore alla bocca prima che il video si interrompa bruscamente.

“Le agenzie di stampa internazionali e i social network hanno fatto circolare un video clip nel quale una persona che sostiene di essere un membro dei ribelli ad Homs compie un’azione orrenda e disumana”, ha affermato la Coalizione dell’opposizione nazionale siriana che ha aggiunto: “La coalizione condanna fortemente questa azione se si rivelasse vera”. La coalizione ha sottolineato che un tale atto “contraddice i valori del popolo siriano e dell’Esercito siriano libero”.

Secondo quanto riferiscono i media locali, il comandante ritratto nel video ha più volte aperto il fuoco indiscriminatamente contro i villaggi libanesi.

Spia Usa beccata dai russi: aria di Guerra Fredda

mosca, russia, spia, usa, MOSCA, Russia -- Tira aria di Guerra Fredda fra la Russia e gli Stati Uniti, ...

Nuova Sars, contagiati altri due infermieri

nuova sars, coranavirus, contagi, malattia GINEVRA, Svizzera -- Comincia a mettere paura la nuova Sars. L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), ...