iscrizionenewslettergif
Bergamo

Bergamo, restaurata “Ultima Cena” di Allori

Di Redazione9 maggio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
ultima cena, allori, creberg, bergamo

Ultima cena, di Alessandro Allori (1582)

BERGAMO — E’ stato completato e verrà esposto al pubblico in una mostra che si terrà a Bergamo, al palazzo del Credito Bergamasco, dall’11 al 26 maggio, l'”Ultima Cena”, dipinto del 1582 di Alessandro Allori.

“La Fondazione Credito Bergamasco è orgogliosa di presentare al pubblico, presso il Palazzo Storico di Bergamo, il risultato di un complesso e articolato restauro, durato oltre un anno di lavoro. Finalmente l’Ultima Cena dipinta da Alessandro Allori nel 1582 per il refettorio di Astino è stata integralmente recuperata” si legge in un comunicato stampa.

Le delicate operazioni di restauro sono state condotte da Alberto Sangalli e da Minerva Tramonti Maggi (sotto la direzione della dott.ssa Amalia Pacia, della Soprintendenza al Patrimonio Storico-Artistico di Milano), presso la Sala consiliare del Palazzo del Credito Bergamasco.

L’intervento ha fatto riscoprire una gamma cromatica brillante e una ricchezza di dettagli che prima non erano immaginabili; la tela risultava, infatti, in larga parte oscurata dalla vernice alterata e da depositi organici superficiali.

Prima di essere sottoposta al restauro l’opera monumentale (misura 215 x 750 cm) era collocata su una parete del Palazzo della Ragione, in Bergamo Alta. Qui era rimasta dimenticata fino all’attuale recupero voluto e sostenuto dalla Fondazione.

Trattandosi di un dipinto proveniente dai beni confiscati dalla Municipalità alle Corporazioni religiose, soppresse durante l’età napoleonica, è ancora oggi di proprietà del Comune di Bergamo.

Il restauro è il primo passo per la migliore fruizione dell’opera d’arte. Il secondo è la sua conoscenza, favorito dai molti studi condotti e dalle esposizioni della tela promosse dalla Fondazione Credito Bergamasco. Il terzo è la divulgazione, tramite la veicolazione al pubblico dei risultati ottenuti.

La Fondazione Credito Bergamasco auspica che l’importante intervento di restauro venga ripagato con una degna valorizzazione del dipinto, tramite una meditata strategia ostensiva e una collocazione adeguata che non lo riporti al secolare oblio.

Ecco i dettagli della mostra:

Palazzo del Credito Bergamasco Bergamo, Largo Porta Nuova, 2
Sabato 11, 18 e 25 maggio (14.30 – 20.30) Domenica 12, 19 e 26 maggio (10.30 – 19.30) Ingresso libero
Brochure illustrativa in distribuzione gratuita
Organizzazione: Fondazione Credito Bergamasco (Bergamo)

Curatori: Angelo Piazzoli, Alberto Sangalli, Minerva Tramonti Maggi

Ascom: il 13 maggio il rinnovo dei vertici

malvestiti, ascom, bergamo BEGAMO -- E’ convocata per lunedì prossimo, 13 maggio, alle ore 15 nella Sala Caravaggio ...

Aeroporto: 15 milioni di utili per Sacbo

aeroporto, bergamo, orio al serio, sacbo, bilancio, utili BERGAMO -- L’assemblea degli azionisti della Sacbo, riunita in seconda convocazione nella sede degli uffici ...