iscrizionenewslettergif
Readers

Governo: tanti auguri dottor Letta

Di Redazione3 maggio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Enrico Letta

Enrico Letta

BERGAMO — Non ho mai votato per la sinistra (con qualunque nome o volto si presentasse) ma, ugualmente, plaudo alla nomina di Enrico Letta come presidente del Consiglio.

Sicuramente persona preparata, seria, soprattutto giovane, per cui non dubito che si farà finalmente carico degli enormi problemi che hanno portato l’Italia ad avere la maggior pressione fiscale e, di conseguenza, la maggior evasione fiscale.

Chi c’è stato prima di lui ha avuto il coraggio di affermare che, grazie al suo governo, il bilancio è stato risanato. Ma con quale sfrontatezza si possono fare dichiarazioni del genere quando, ormai da troppo tempo, la cronaca riferisce, quasi quotidianamente, di persone che si suicidano, perchè oberate dalle troppe tasse o per via dei debiti mai saldati dallo Stato?

Con che faccia si può affermare che la guerra è vinta se si è lasciato sul campo la metà del proprio esercito? Abbiamo bisogno di qualcuno che conosca la realtà dei problemi quotidiani della gente,che li abbia toccati con mano, non abbiamo (e non avevamo bisogno) di cattedratici, per cui la realtà è quella che vivono loro, avulsi totalmente dai veri bisogni di chi, tutti i giorni, ha a che fare con la quadratura del proprio bilancio familiare e purtroppo, a volte, nell’impossibilità di riuscirci, arriva alla decisione estrema.

Questo è di scarsa importanza, vero professor Monti? Lo vada a dire alle famiglie di quei poveri disgraziati. Questa non è demagogia, è soltanto sincera comprensione per chi non ce l’ha fatta a superare le gravi difficoltà create da decisioni fuori luogo (eufemismo) prese, non considerando i reali bisogni della gente.

Non è vero che gli italiani sono disgustati dalla politica. Gli italiani sono disgustati dagli attuali politici. Un pò di “repulisti” è stato fatto, anche grazie a Grillo, che però sta bruciando parte dei molti suffragi ottenuti, grazie ai suoi continui, e a questo punto qualunquistici, no.

Adesso non credo sia importante il colore di chi diventerà presidente del Consiglio. L’importante è che sappia riavvicinare il Palazzo a quelle che sono le aspettative, da troppo tempo disattese di chi lavora,di chi il lavoro non ce l’ha, di chi è onesto,di chi sente il bisogno di una politica sana. Tanti auguri dottor Letta!

Giorgio Giannitti

La festa della Liberazione, secondo me

La festa della Liberazione BERGAMO -- Il 25 Aprile 2013 bella festa della liberazione, della libertà e della democrazia. ...

Longuelo, perché le inferriate al parco Leidi?

longuelo parco BERGAMO -- Vorrei invitare chiunque crede che Bergamo si stia preparando davvero a diventare "capitale ...