iscrizionenewslettergif
Italia

Reggio Calabria: resti umani in una Smart affondata

Di Redazione24 aprile 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il porto di Reggio Calabria

Il porto di Reggio Calabria

REGGIO CALABRIA — La polizia di Reggio Calabria ha scoperto resti umani all’interno di una Smart trovata sul fondale del porto di Reggio Calabria.

Secondo i primi accertamenti, potrebbero appartenere a Francesco Calabrò, l’imprenditore scomparso nel 2006 e fratello del collaboratore di giustizia Giuseppe Calabrò, condannato all’ergastolo per l’omicidio dei carabinieri Antonino Fava e Giuseppe Garofalo avvenuto il 18 gennaio 1994.

Sul posto sono intervenuti gli agenti della squadra mobile, i vigili del fuoco e il personale della Capitaneria di porto. Sui resti sarà ora effettuato il test del Dna per stabilirne l’esatta provenienza.

Cesena, esplode agriturismo: due feriti gravi

L'agriturismo esploso in provincia di Cesen CESENA -- Sono in corso le indagini dei vigili del fuoco per stabilire le cause ...

Catania, litiga col cugino e gli dà fuoco

I carabinieri in azione CATANIA -- Una lite familiare si è trasformata in tragedia a Paternò, in provincia di ...