iscrizionenewslettergif
Politica

Via alla quarta votazione, il Pdl sul piede di guerra

Di Redazione19 aprile 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Silvio Berlusconi a colloquio con Mario Monti

Silvio Berlusconi a colloquio con Mario Monti

ROMA — L’ex premier del centrosinistra Romano ha ottenuto solamente 22 voti alla terza chiama per l’elezione del nuovo presidente della Repubblica in corso a Roma. Toccherà ora alla quarta votazione, nell’aula della Camera. Stavolta il quorum da raggiungere è a quota 504.

Prodi è il candidato al Quirinale su cui punta il Pd. Nome che però trova la netta contrarietà del Pdl, che medita contromosse per stoppare quello che considera una candidatura che “spacca” il Paese, e il “no” motivato di Mario Monti, che cala sul tavolo la carta Anna Maria Cancellieri, su cui potrebbe convergere il partito di Silvio Berlusconi.

“La candidatura di Marini è stata accantonata violando la parola data”. Lo afferma Silvio Berlusconi alla riunione dei gruppi del Pdl che si è svolta alla Camera. Il leader del Pdl ha detto anche di aver “appreso con sconcerto la candidatura di Prodi indicata da Bersani. E’ stato sacrificato il valore superiore della rappresentanza di tutti gli italiani nell’esclusivo interesse del Pd”.

Beppe Grillo insiste sul suo candidato, Stefano Rodotà, anche se il costituzionalista dice di non voler essere di ostacolo nel caso in cui i Cinque Stelle decidessero di puntare su altri candidati.

Ma è Beppe Grillo a stroncare qualsiasi illusione: “Nessuno in M5S si è mai sognato di votare Prodi e non se lo sognerà nemmeno in futuro”. I candidati, dunque, restano tre. E così, complice il rischio – sempre alto – di ‘franchi tiratori’ fra i democrat, l’elezione del professore bolognese non pare affatto scontata. La Cancellieri, al momento, anche con l’appoggio del centrodestra non supererebbe i 342 voti. Stefano Rodotà, il più votato nel terzo scrutinio (dove le schede bianche sono state 465) ha incassato 250 preferenze. Più dei voti a disposizione di grillini e Sel.

Addio Marini. Rispunta Prodi ma al Pdl non piace

Angelino Alfano e Pierluigi Bersani ROMA -- Un flop clamoroso. Pensava di avere una settantina di voti più del necessario ...

Piemonte, blitz della finanza in Regione: 52 indagati

Il presidente della Regione Piemonte Roberto Cota TORINO -- La guardia di finanza sta notificando gli avvisi di garanzia nell'ambito dell'inchiesta sull'uso ...