iscrizionenewslettergif
Poesie

“Sola” di Felice Mastroianni

Di Redazione18 aprile 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

La mia ombra stanotte
in questa stanza a pianterreno
ove pende a fastidio di mosche
inquiete la lampada accesa,
ove sempre sono venuti
per le veglie dei nostri defunti,
è come il ritorno d’una vita
che vede – sola – se stessa
con occhi d’assurdo
tra queste pareti
entro cui il cuore scandisce
la mia insonnia di vivo,
al limite d’un’ombra più vasta.
Di là nella vecchia cucina
un antico odore di pane
in sere di lumi
(e i vostri occhi!)
forse è più vivo nel ricordo
che non la mia ombra stanotte.

“L’alba” di Luisa Giaconi

S'apre una pagina d'ambra nel cielo, all'orlo del monte; fioca sul nero orizzonte l'ultima stella sparì. E già per ...

“La morte di Tantalo” di Sergio Corazzini

Noi sedemmo sull'orlo della fontana nella vigna d'oro. Sedemmo lacrimosi in silenzio. Le palpebre della ...