iscrizionenewslettergif
Poesie

“Zingari” di Paolo Buzzi

Di Redazione12 aprile 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Forse è la vita vera.
Il carro dipinto,
i cavalli salvatici e docili, ebbri di vento,
le belle figlie in cenci,
la mensa a bivacco furtiva sotto gli astri,
la strada bianca del mondo.
Io tornerò nella prigione potente
dove comando
e sono comandato:
io sfrenerò, di rabbia, i miei puledri ideali
sulla pista del sogno, a cuore morto,
a stanca sera:
e per l’amore
mendicherò la mendicante mia
a qualche buio di strada.
Io pago la carne con mano che sembra
chiedere anzi donare elemosina.
E la mia via
è una rete di fogne
dove altro non luce che l’occhio del sorcio.
O Zingari, scoiatemi vivo,
allo spiedo arrostitemi
fra due tronchi di selva!
Sono un poverissimo figlio di civili
che adora la barbarie.

“Nel portico” di Giorgio Vigolo

Guardavo lassù nel soffitto del portico, all'imbrunire, seduto alla base d'una colonna e riverso contemplavo ...

“Terra Santa” di Alda Merini

Ho conosciuto Gerico, ho avuto anch'io la mia Palestina, le mura del manicomio erano le mura di Gerico e ...