iscrizionenewslettergif
Provincia

Operaio muore folgorato da una scarica a 40mila volt

Di Redazione11 aprile 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
marghera mestre

Il polo industriale di Marghera, a Mestre

BERGAMO — Un operaio albanese, residente in Bergamasca, è morto folgorato ieri mattina durante i lavori di smantellamento dell’area produttiva di Marghera, a Mestre.

Gravemente ustionato anche un compagno di lavoro, anch’egli di origini albanesi. Secondo le ultime notizie trapelate, i due lavoravano per conto di una ditta incaricata di smantellare l’area produttiva.

I due al momento dell’incidente si trovavano in un’area del cantiere in cui sorge una cabina elettrica ad media tensione (40mila volt). Per motivi in corso di accertamento, l’uomo è venuto in contatto con i cavi elettrici, forse pensando che fossero stati disattivati.

Ne è scaturita una violentissima scossa elettrica che non ha lasciato scampo al poveretto. Lili Tavani, questo il nome della vittima, di 33 anni, è morto all’istante.

Il compagno che si trovava a poca distanza da lui è rimasto gravemente ferito ed è stato portato all’ospedale di Mestre, dove si trova tuttora ricoverato.

Asse interurbano: la Provincia cerca la quadra

asse interurbano bergamo BERGAMO -- Dopo la paralisi del traffico nella zona dell'asse interurbano con pesantissime conseguenze sulla ...

Vinitaly: 80mila visitatori al padiglione Lombardia

I vini Valcalepio BERGAMO -- Oltre 80 mila visitatori nell’arco di quattro giorni. E un totale di 24 ...