iscrizionenewslettergif
Poesie

“Nel portico” di Giorgio Vigolo

Di Redazione11 aprile 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Guardavo lassù nel soffitto
del portico, all’imbrunire,
seduto alla base
d’una colonna e riverso
contemplavo quel buio di polvere
indurita in un tartaro di secoli.
Immensi salivano a picco,
immensi in curva ala
i fusti giganti. In alto
s’intrecciavano in nodi fitti e scuri
come il tetto della foresta
che non lascia più scorgere il cielo.

Incastrati nel folto
fogliame delle colonne
erano i nidi e le grandi uova
cilestrine.
Si aprirono,
ne uscirono a volo
con l’uovo della cupola
favolosi uccelli Roch,
in una covata di nuvole bianche.

“Controvento” di Rosa Maria Tornù

Annidata per poco ancora nella mia fanciullezza - prigioniera in ricordi insoluti colleziono traguardi di angoscia - e giorni perduti - diari di guerre e di paci che sconfinano mai dal ...

“Zingari” di Paolo Buzzi

Forse è la vita vera. Il carro dipinto, i cavalli salvatici e docili, ebbri di ...