iscrizionenewslettergif
Poesie

“Ode al giorno felice” di Pablo Neruda

Di Redazione8 aprile 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Questa volta lasciate che sia felice,
non è successo nulla a nessuno,
non sono daino all’ultimo profondo angolino del cuore.

Camminando,dormendo o scrivendo,
che posso farci, sono felice.
sono più sterminato dell’erba nelle praterie,
sento la pelle come un albero raggrinzito,
e l’acqua sotto,gli uccelli in cima,
il mare come un anello intorno alla mia vita,
fatta di pane e pietra la terra
l’aria.

“Piccoli rubini” di Anna Rizzardi

Sbalzi nostalgici di malinconia impetuosa colpiscono come carezze fruttate i nodi di una nitida, esuberante limpidezza... Paragoni d'inverno ...

“Moka Sensazione fisica” di Luciano Folgore

Nero. Più nero. Troppo nero. Moka. Il sonno ruzzola giù dalle scale della stanchezza. Una ...