iscrizionenewslettergif
Italia

Omicidio di Garlasco: sentenza rinviata

Di Redazione5 aprile 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Alberto Stasi

Alberto Stasi

updated MILANO — Slitta al 17 aprile il verdetto della Corte di Cassazione per l’omicidio di Chiara Poggi, la studentessa uccisa il 13 agosto 2007 a Garlasco. La decisione è stata presa dal presidente della I Sezione penale Paolo Bardovagni prima di dare la parola al relatore Angela Tardio. La Corte d’assise d’appello di Milano, il 6 dicembre 2011, ha assolto Alberto Stasi.

C’era grande attesa per la sentenza della Cassazione. I giudici dovranno decidere se disporre nuove indagini oppure assolvere definitivamente Alberto Stasi, l’ex fidanzato della ragazza, finora unico imputato al processo.

Davanti alla Suprema Corte si celebrerà il processo di terzo grado nei confronti dell’ex studente bocconiano, e ora praticante in uno studio di commercialisti milanesi.

Stasi è stato assolto con rito abbreviato dall’accusa di omicidio sia dal gup di Vigevano Stefano Vitelli sia dalla Corte d’Assise d’Appello di Milano.

I genitori di Chiara, Giuseppe e Rita Poggi hanno nuovamente chiesto un esame mai effettuato sul bulbo e il fusto di un capello castano e corto trovato nel palmo della mano sinistra della giovane.

Si tratta di un esame sofisticato ma non costoso con cui, secondo la parte civile, è possibile individuare il Dna mitocondriale e avere una chance in più per rintracciare l’omicida.

Secondo le ultime notizie, stessa istanza riguarda i frammenti più piccoli delle unghie della giovane vittima. La speranza dei Poggi è che i giudici annullino la sentenza di un anno fa, che aveva assolto Stasi in appello.

E’ una gita: ma la Finanza scopre carico d’oro nell’auto

guardia di finanza COMO -- All'apparenza si trattava di una semplice gita di Pasqua, in famiglia. In realtà ...

Cade dalla motocross e batte la testa: giovane morto

ambulanza motocross giovane morto REGGIO CALABRIA -- L'escursione in moto si è trasformata in una tragedia. Un giovane di ...