iscrizionenewslettergif
Poesie

“Vendetta postuma” di Emilio Praga

Di Redazione27 marzo 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Quando sarai nel freddo monumento
immobile e stecchita,
se ti resta nel cranio un sentimento
di questa vita,
ripenserai l’alcova e il letticciuolo
dei nostri lunghi amori,
quand’io portava al tuo dolce lenzuolo
carezze e fiori.
Ripenserai la fiammella turchina
che ci brillava accanto,
e quella fiala che alla tua bocchina
piaceva tanto!
Ripenserai la tua foga omicida
e gli immensi abbandoni;
ripenserai le forsennate grida
e le canzoni;
ripenserai le lagrime delire,
e i giuramenti a Dio,
o bugiarda, di vivere e morire
pel genio mio!
E allora sentirai l’onda dei vermi
salir nel tenebrore,
e colla gioia di affamati infermi
morderti il cuore.

“Il gelataio” di Pietro Aloise

In quel meriggio assolato la piazza era un deserto e seduti all’ombra di un telo Carmela scacciava mosche e vespe ...

“Forte e fragile” di Vellise Pilotti

Non credere che io non sia fragile, mi basta una parola per stare male. Sono forte perché la vita non mi ...