iscrizionenewslettergif
Poesie

“L’umanita’” di Nicola Rizzotti

Di Redazione25 marzo 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

z68

Autopsia d’umanità
psicologica frattura,
dolore scagliato a mano aperta.
Anima claustrofobica,
mosaico infetto,
mi soffoca ripetutamente,
raccolto su una sedia in putrefazione.

Additato e schermito,
assaggio occhi passeggeri.
L’evidente scricchiolìo di ossa vi disturba!!

Esasperata erosione dal corso dei giorni,
per una conclusione già chiara in partenza.
Guardo la carne dove il sangue giace,
pulsione crepuscolare,
sapore d’immobile pietà,
percepisco il gelido fiato della notte,
carpisco la mia futile fine.
Così recita l’embrione difettoso di un infantile singhiozzo.

Ho attraversato l’oscurità,
dai miei occhi l’ultima lacrima di morte è per voi.
Sgocciolio di un’ormai evasa solitudine.

“Zingari” di Paolo Buzzi

Forse è la vita vera. Il carro dipinto, i cavalli salvatici e docili, ebbri di ...

“Il gelataio” di Pietro Aloise

In quel meriggio assolato la piazza era un deserto e seduti all’ombra di un telo Carmela scacciava mosche e vespe ...