iscrizionenewslettergif
Primo Piano

I marò restituiti all’India: partiti nella notte

Di Redazione22 marzo 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I due marò contesi con l'India

I due marò contesi con l’India

ROMA — L’ennesimo pasticcio all’italiana. Dopo un braccio di ferro con l’India che aveva bloccato l’ambasciatore italiano, i due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone sono partiti questa notte per Nuova Dehli a bordo di un velivolo militare decollato dall’aeroporto di Brindisi.

Il sottosegretario agli Esteri Staffan De Mistura che li accompagna, precisa che il governo indiano ha garantito che non ci sarà la pena di morte nei loro confronti. I militari risiederanno nell’ambasciata italiana a New Delhi.

Avranno “libertà di movimento e potranno anche andare al ristorante se vogliono” dice Mistura. “La parola data da un italiano è sacra: noi avevamo sospeso il loro rientro in attesa che New Delhi garantisse alcune condizioni”.

Giorgio Napolitano ha espresso a Massimiliano Latorre l’apprezzamento per il senso di responsabilità con cui i due marò hanno accolto la decisione del Governo augurandosi un sollecito, corretto riconoscimento delle loro ragioni.

Lo rende noto il Quirinale. “Il Presidente della Repubblica – si legge nella nota – ha avuto una conversazione telefonica con il fuciliere di Marina Massimiliano Latorre nel corso della quale ha espresso a lui e al suo collega Salvatore Girone l’apprezzamento per il senso di responsabilità con cui hanno accolto la decisione del Governo”.

Macabro ritrovamento in un bar: feto in un cestino

Feto ritrovato nel cestino di un bar ROMA -- Si trovava fra carte sporche e i liquami. Un dipendente ha trovato feto ...

Primo incontro: Papa Francesco abbraccia Benedetto XVI

abbraccio papa francesco papa benedetto papi ROMA -- Un abbraccio fraterno a cui è seguito un colloquio di circa 45 minuti. ...