iscrizionenewslettergif
Provincia

Vendite in calo: anche il vino soffre la crisi

Di Redazione20 marzo 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
I vini del Consorzio di tutela Valcalepio

I vini del Consorzio di tutela Valcalepio

BERGAMO — Anche il vino soffre la crisi. E’ quanto emerso dagli stati generali dell’enologia organizzati dal Consorzio Tutela Valcalepio, di Bergamo.

L’incontro era rivolto agli operatori del settore vino e ha coinvolto i produttori, i distributori, i rappresentanti e gli agenti di commercio del territorio per fare il punto sulla situazione attuale del mercato enologico.

“Dalla prima relazione è emersa una situazione innegabile: il vino, essendo considerato un bene di consumo, patisce gli effetti di questo momento di crisi durante il quale i consumatori effettuano tagli e restrizioni proprio su questo tipo di prodotto” spiegano gli organizzatori.

I dati parlano chiaro: le vendite, ma soprattutto il consumo, di vino è drasticamente sceso nel corso dell’ultimo periodo e questa è una situazione con cui il comparto deve fare i conti e per sopperire la quale vanno trovate soluzioni comuni a tutti gli operatori, dal produttore al venditore.

Durante il simposio sono stati analizzati nel dettaglio i dati dell’export italiano e le statistiche del consumo del vino in Italia e nei principali competitors.

Nel corso della relazione di Riccardo Ricci Curbastro, presidente di Federdoc, la platea ha potuto ricevere interessanti e utili informazioni circa l’indiscutibile vantaggio offerto dalla vendita di vini a denominazione d’origine, in opposizione a vini generici.

I vantaggi sottolineati da Ricci Curbastro sono ricollegabili a concetti di tracciabilità e sicurezza per il consumatore. “Il messaggio è chiaro: se compri un bino a denominazione di origine sai cosa compri, da dove proviene, come è fatto e hai una garanzia legata al prodotto maggiore rispetto a quella dei Vini generici.
Tutti fattori che vanno a ricoprire una rilevanza non indifferente in momenti nei quali il pubblico spende sempre meno e vuole sempre più essere rassicurato di cosa sta acquistando”.

Ricci Curbastro ha affermato che non esiste in Italia un successo nel mondo del vino che non abbia alle spalle un consorzio e una denominazione di Origine. “L’etichetta pinco pallino può avere più successo dell’etichetta Valcalepio? Io non credo! Ha più senso stare insieme e lavorare per il bene della denominazione.”

L’incontro si è chiuso sull’intervento dell’enologo Sergio Cantoni, direttore del Consorzio Tutela Valcalepio che ha voluto porre l’accenno sull’importanza rivestita dai Vini del Territorio. Indubbiamente i vini del territorio portano con se un bagaglio di valori intrinseci che ne rendono più facile la vendita sul territorio stesso, sia per l’appeal che hanno sul pubblico di turisti sia per la tradizione che rivestono per il pubblico domestico.

I punti cardine di famiglia, tradizione e socializzazione sono i tre grandi pilastri che rendono il vino appetibile la vendita al pubblico: si vende una storia, una tradizione, un’emozione.

D’altro canto Cantoni ha poi posto l’accento su un aspetto decisamente interessante del problema vendita: siamo tutti venditori ma soprattutto la nostra vita è tutta una vendita e ad ogni vendita corrisponde un acquisto. Ca va sans dire che ognuno di noi può essere un ottimo venditore, in quanto ognuno di noi è un ottimo acquirente: il punto sta nell’avere chiaro in mente il perché noi siamo portati a comprare e usare questa consapevolezza per vendere.

Ricollegandosi al tema iniziale, il direttore ha poi concluso ricordando che sta agli operatori del comparto restituire al vino il suo ruolo di Bene di Consumo (nel corso degli anni c’è stata la tendenza a farlo diventare Bene Durevole, da conservare e non da bere) in modo da poterne riattivare il circuito di consumo-vendita.

Rivolgendosi poi ai produttori, Cantoni ha ricordato che essi hanno il compito di vendere a qualcuno che a sua volta dovrà vendere, si tratta quindi di studiare strategie comuni che possano soddisfare tutti, dal produttore, al venditore, all’utente finale.

Oggi ancora piogge, ma domani torna il sole

La pioggia a Bergamo BERGAMO -- Ancora una giornata di pioggia e freddo, poi tornano il sole e la ...

Fim-Cisl: Gervasoni riconfermato al vertice

La nuova segreteria della Fim-Cisl BERGAMO -- Riconferma ai vertici dalla Fim-Cisl. Il primo congresso di Bergamo e Sebino Bergamasco ...