iscrizionenewslettergif
Bergamo

Ubi crolla in Borsa. Jannone: il giudizio dei mercati è chiaro

Di Redazione13 marzo 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Il presidente dell'Associazione azionisti Ubi Giorgio Jannone

Il presidente dell’Associazione azionisti Ubi Giorgio Jannone

BERGAMO — “Esprimo rispetto e porgo i migliori auguri ai componenti della lista a noi antagonista, espressione degli attuali vertici di Ubi. Ma il giudizio di mercati e analisti italiani e stranieri sui dati di bilancio presentati oggi dai vertici di UBI Banca è risultato purtroppo molto chiaro ed è esplicitato dalla sospensione al ribasso del titolo alla Borsa Valori”. Lo afferma, a chiusura dei mercati, il presidente dell’Associazione azionisti Ubi Giorgio Jannone, dopo che il titolo dell’istituto di credito ha chiuso in calo del 6,38 per cento.

“In sostanza soci e azionisti hanno perduto nelle odierne contrattazioni di borsa molto di più di quanto incasseranno con il risicatissimo dividendo che i vertici Ubi intendono proporre all’Assemblea” spiega Jannone. “I numeri configurano utili in calo per tutte le attività del gruppo e per ogni singola banca e società controllata, con rare eccezioni”.

“In particolare – continua il candidato alla prossima assemblea del gruppo – l’esercizio 2012 a livello consolidato evidenzia per il Gruppo Ubi un utile netto di 83 milioni di Euro, risultato frutto sostanzialmente dell’attività finanziaria (e non della gestione caratteristica) che ha comportato un margine di oltre 250 milioni di Euro, derivante dal trading di titoli in portafoglio (in particolare dello Stato). In assenza di tale margine il risultato dell’esercizio sarebbe stato negativo”.

“La deludente performance deriva, infatti, da un deciso peggioramento del margine finanziario, influenzato negativamente dai ridotti margini sulla raccolta, ma anche dalla consistente riduzione degli impieghi (-7 per cento rispetto al 2011). Nonostante il contenimento degli oneri operativi (inferiori di oltre Euro 120 milioni rispetto al 2011), effetto anche della sensibile e dolorosa riduzione del personale (321 dipendenti in meno rispetto all’anno precedente nel solo 2012), la gestione operativa caratteristica (escludendo il suddetto margine da attività finanziaria di trading) peggiora rispetto all’anno precedente di circa 40 milioni di Euro” continua Jannone.

“Infine, la Banca ha dovuto aumentare del 40 per cento le rettifiche di valore per il deterioramento dei crediti (stanziati circa 850 milioni di Euro contro i 610 milioni di Euro del 2011) a causa della difficile congiuntura economica, dell’incerta gestione del portafoglio crediti e per il necessario avvicinamento alla best practice del sistema bancario italiano”.

“In conclusione, resta davvero molto da fare e da cambiare e non bastano i toni trionfalistici dei comunicati e delle conferenze stampa per edulcorare e nascondere dati che, come affermiamo da tempo, non possono non preoccupare seriamente dipendenti, soci, analisti e mercati” conclude il presidente dell’Associazione azionisti Ubi.

Lilliput: raccolta fondi per la Città della scienza

Lilliput raccoglie fondi per la Città della scienza BERGAMO -- Una raccolta fondi straordinaria per ricostruire la Città della scienza di Napoli andati ...

Ubi: Moltrasio presenta la sua lista

Ubi Banca BERGAMO -- E' stata resa nota ieri pomeriggio la lista dei candidati del collegio uscente ...