iscrizionenewslettergif
Sport

Messi stellare, il Barcellona distrugge il Milan: 4-0

Di Redazione13 marzo 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Lionel Messi, Barcellona-MIlan 4-0

Lionel Messi, Barcellona-MIlan 4-0

BARCELLONA, Spagna — Per risalire la china serviva una grande impresa. E il Barcellona l’ha compiuta. Grazie a un Messi mostruoso, la squadra catalana ha battuto in casa il Milan per 4-0 eliminandolo dalla Champions League.

Il Barcellona ha disputato una partita semplicemente perfetta e si è qualificato per i quarti di finale. Le reti di Messi, due nel primo tempo, poi Villa e nel finale Alba. L’unico rammarico per gli ospiti, un palo colpito sull’ 1-0 da Niang.

bCon i due gol realizzati ieri sera Lionel Messi aggiunge un altro record alla sua collezione: supera Ruud Van Nistelrooy nella classifica dei marcatori del torneo da quando è stata instaurata la fase a gironi, nel 1992-1993, con 58 reti, contro le 56 dell’olandese.

Il pallone d’oro si è confermato il giocatore più forte del mondo rendendo la serata milanista ancora più amara. Ma contro un simile marziano c’era poco da fare. Sere come queste alimentano la leggenda, con un gol, il primo, simile a quello che Diego Maradona segnò a Usa ’94 alla Grecia.

“E’ stata una gara straordinaria del Barcellona, ma questo risultato non è un disastro come forse verrà dipinto quanto un’occasione per crescere” ha commentato Massimiliano Allegri dopo  la sconfitta al Camp Nou.

Il tecnico rossonero ha parlato di una “buona prova” della sua squadra che “sul 3-0 ha messo in difficoltà i catalani” e ha ceduto alle “straordinarie giocate di Messi e degli altri campioni blaugrana”. “Loro nel primo tempo ci hanno schiacciato ma alla fine hanno fatto due tiri e due gol con Messi oltre ad una parata di Abbiati – ha proseguito il tecnico rossonero -. Peccato per il palo di Niang e per l’errore in uscita che ha causato il raddoppio dell’argentino. Poi abbiamo fatto lo stesso errore ne terzo e quarto gol”.

“Perdere e uscire dopo l’andata che avevamo portato a casa dispiace a tutti, ma i ragazzi on si devono abbattere. E’ un’occasione per crescere. Ora guardiamo avanti, alla prossima partita contro la Champions” ha concluso Allegri.

Inter, ultimatum a Stramaccioni: ora risultati

Massimo Moratti MILANO -- Acque decisamente agitate in casa nerazzurra dopo le brutte sconfitte della settimana scorsa ...

Ibra? La Juve di oggi non ne ha bisogno

Zlatan Ibrahimovic TORINO -- La Juventus di oggi può fare a meno di Ibrahimovic. Lo ha detto ...