iscrizionenewslettergif
Bergamo

Marò restano in Italia: Palafrizzoni esprime soddisfazione

Di Redazione12 marzo 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Palazzo Frizzoni, sede dell'amministrazione comunale di Bergamo

Palazzo Frizzoni, sede dell’amministrazione comunale di Bergamo

BERGAMO — “L’Amministrazione comunale di Bergamo esprime la sua piena soddisfazione per i nostri marò che possono celebrare il processo in Italia superando gli ingiusti ostacoli frapposti dallo Stato indiano”. E’ quanto si legge in una nota stampa diffusa da Palazzo Frizzoni.

“Ha inoltre preso atto con soddisfazione che la partecipazione positiva alla sorte dei marò da parte della popolazione di tanti Comuni italiani – che per Bergamo si è manifestata anche con l’affissione a Palazzo Frizzoni di uno stendardo con la dicitura “Salviamo i nostri Marò” – ha indubbiamente facilitato il conseguimento dell’obiettivo”, prosegue la nota.

Intanto, questa mattina il primo ministro indiano Manmohan Singh ha dichiarato che la situazione creata dal governo italiano rispetto alla vicenda dei due marò è “assolutamente inaccettabile”.

Singh ha commentato la questione su richiesta di alcuni parlamentari indiani del gruppo Left (Sinistra). A loro il premier ha detto che chiederà al ministro degli Esteri Salman Khurshid di sollevare la questione con l’Italia. Non soddisfatti per la risposta, il gruppo di deputati di sinistra ha replicato che esiste una collisione di funzionari del governo indiano con l’Italia. “Qui siamo di fronte ad una cospirazione – ha sostenuto uno di loro – e oggi pomeriggio chiederemo la sospensione del Question Time per aprire un dibattito” sulla vicenda dei marò.

Contrabbando: la Finanza scopre 3 quintali di sigarette

La Guardia di finanza in azione BERGAMO -- La Guardia di Finanza di Bergamo, nel corso dei controlli sui passeggeri in ...

Nuovo ospedale: visite gratuite per osteoporosi

La prevenzione dell'osteoporosi BERGAMO -- L’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo aderisce all’iniziativa promossa dall'Osservatorio nazionale sulla salute ...