iscrizionenewslettergif
Poesie

“Gli anni quaranta” di Luciano Erba

Di Redazione8 marzo 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Sembrava tutto possibile
lasciarsi dietro le curve
con un supremo colpo di freno
galoppare in piedi sulla sella
altre superbe cose
più nobili prospere cose
apparivano all’altezza degli occhi.
Ora gli anni volgono veloci
per cieli senza presagi
ti svegli da azzurre trapunte
in una stanza di mobili a specchiera
studi le coincidenze dei treni
passi una soglia fiorita di salvia rossa
leggi “Salve” sullo zerbino
poi esci in maniche di camicia
ad agitare l’insalata nel tovagliolo.
La linea della vita
deriva tace s’impunta
scavalca sfila
tra i pallidi monti degli dei.

“Il tempo ci rapisce, e il cielo e’ solo” di Carlo Betocchi

Il tempo ci rapisce, e il cielo è solo anche di queste rondini che il ...

“Ragazzo” di Piero Jahier

ragazzo Mi sono bardato per la serata Serata (dal momento che volete vedermi nei vestiti che ...