iscrizionenewslettergif
Poesie

“Il tempo ci rapisce, e il cielo e’ solo” di Carlo Betocchi

Di Redazione7 marzo 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

Il tempo ci rapisce, e il cielo è solo
anche di queste rondini che il volo
intrecciano, pericolosamente,
come chi va cercando nella mente
qualche nome perduto… e il ritrovarlo
nemmeno conta, poiché ormai è già sera.
Eh sì! s’invecchia, e ritorna più vera
la vita che già fu, rosa da un tarlo…
un tarlo che la monda. E vien la sera.
E i pensieri s’intrecciano, e le rondini.
E non siamo più noi; siamo i profondi
cieli dell’esistenza, ahi come intera
e profondissima, cupa, nel suo indaco.

“Le sei corde” di Federico Garcia Lorca

Renoir: "Donna con chitarra" La chitarra fa piangere i sogni. Il singhiozzo delle anime perdute sfugge dalla sua bocca rotonda. E come la tarantola, tesse una ...

“Gli anni quaranta” di Luciano Erba

Sembrava tutto possibile lasciarsi dietro le curve con un supremo colpo di freno galoppare in ...