iscrizionenewslettergif
Poesie

“L’infinito” di Giacomo Leopardi

Di Redazione4 marzo 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

"L'infinito"

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,
E questa siepe, che da tanta parte
Dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
Spazi di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo; ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l’eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e il suon di lei. Così tra questa
Immensità s’annega il pensier mio:
E il naufragar m’è dolce in questo mare.

“La melanconia” di Ippolito Pindemonte

Fonti e colline chiesi agli Dei: m'udiro alfine, pago io vivrò. Né mai quel fonte ...

“Le sei corde” di Federico Garcia Lorca

Renoir: "Donna con chitarra" La chitarra fa piangere i sogni. Il singhiozzo delle anime perdute sfugge dalla sua bocca rotonda. E come la tarantola, tesse una ...