iscrizionenewslettergif
Provincia

Svizzera, abbattuto l’orso delle Orobie: scoppia la polemica

Di Alessandra Raimondi20 febbraio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
L'orso M13

L’orso M13

BERGAMO — Per lungo tempo aveva vissuto sulle nostre montagne. Ma si sa, gli orsi hanno bisogno di grandi spazi. E così, per sua sfortuna è capitato in territorio svizzero ed è stato abbattuto. Il Wwf ha presentato una protesta ufficiale al governo elvetico per l’uccisione dell’orso M13 nel cantone dei Grigioni.

Il plantigrado, habitué delle Orobie, nei giorni scorsi si era svegliato dal letargo e si era avvicinato ai centri abitati svizzeri. E dire che la povera bestia lo scorso maggio era sopravvissuta a un incidente ferroviario: un treno lo aveva sfiorato senza gravi ferite. Mentre a novembre, in Val Poschiavo, era stato trovato in una cascina frequentata solo nel fine settimana, dove aveva compiuto razzia di patate creando anche un bel po’ di caos.

Nei giorni scorsi si è risvegliato dal lungo inverno e, senza alcun timore, si è avvicinato ai centri abitati della valle. Le autorità svizzere hanno così deciso l’abbattimento, e a nulla è servita la petizione lanciata dal gruppo su Facebook che lo difendeva.

Secondo il Wwf l’abbattimento di M13 è avvenuto troppo frettolosamente, senza prima un’intensificazione della azioni di dissuasione. Le autorità svizzere affermano invece che la decisione è stata inevitabile: l’orso non mostrava la minima paura nonostante gli interventi di dissuasione.

Internet: arriva la banda larga in 40 comuni bergamaschi

Arriva la banda larga in 40 comuni bergamaschi BERGAMO -- Saranno 40 i comuni bergamaschi, compresa Bergamo città, che, grazie all'accordo tra Regione ...

Cade da 6 metri: operaio bergamasco in rianimazione

L'ambulanza BERGAMO -- Un operaio bergamasco è rimasto gravemente infortunato ieri in un incidente sul lavoro ...