iscrizionenewslettergif
Bergamo

Bergamo, presentati nuovi studi sull’affido

Di Alessandra Raimondi17 febbraio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo
Affido condiviso: presentati nuovi studi a Bergamo

Affido condiviso: presentati nuovi studi a Bergamo

BERGAMO — Sono stati presentati oggi alla Casa del giovane a Bergamo in una conferenza dal tema “L’interesse del minore fra scienza e diritto: nuove acquisizioni”, i risultati inediti di una ricerca scientifica che ha coinvolto 300mila minori in quattro continenti.

All’incontro hanno partecipato tra gli altri la senatrice Alessandra Gallone, Ermano Baldassarre presidente dell’ordine degli Avvocati di Bergamo, Don Eugenio Zanetti respnsabile gruppo “La Casa” della Diocesi di Bergamo, Simone Pillon della Commissione Forum per le famiglie, Vittorio Vizzetti pediatra e responsabile scientifico nazionale dell’Anfi, Carlo Piazza presidente Anfi Lombardia, Raffaella Cossi presidente Afi Milano.

La condanna all’Italia della Corte europea dei diritti dell’uomo ha fatto tornare di stringente attualità il problema dell’applicazione e dell’interpretazione delle norme sull’affido condiviso. In Italia solo l’un per cento dei figli dopo una separazione viene affidato agli ex coniugi con obbligo di tempo paritario.

In Italia il problema dei minori contesi e di quei genitori che si vedono sottratti il diritto di essere genitori è enormemente sottovalutato. Basti sapere che sono 25mila i minori italiani (secondo gli ultimi dati Istat), circa 1 su 3, che perdono i contatti con uno dei due genitori dopo la separazione degli stessi, con conseguenze notevoli sia in termini biomedici sia sociali. In particolare, sono diffusi soprattutto casi di deprivazione affettiva e stress emotivo in ambito neurologico e psicologico.

Negli stati come la Svezia, gli Stati Uniti e l’Australia, dove l’affidamento congiunto del minore è un fatto regolamentato sono quasi del tutto sparite le cause di separazione, è fortemente diminuita la voglia di divorziare e si verificano meno liti tra ex coniugi.

Lo studio è stato condotto sulla base delle più importanti ricerche scientifiche internazionali con validazione statistica. “L’affido materialmente condiviso e/o alternato – ha sottolineato Vezzetti – lungi dall’essere aprioristicamente esclusi in virtù di una presunta destabilizzazione del minore come in Italia , sono risultati essere nelle esperienze estere, molti positivi”.

“Laddove le contingenze lo consentano (e l’esercizio dell’autonomia professionale degli operatori dovrebbe proprio consistere nel valutare eventuali possibili circostanze di esclusione) è risultato chiaro il beneficio per i minori – ha affermato Vezzetti – in alcuni studi è anche emerso un effetto collaterale di natura sociologica: l’incremento dei matrimoni e la diminuzione dei divorzi”.

Nell’ultima legislatura il Senato ha vanamente cercato di modificar la norma. “Il nostro diritto di famiglia non si occupa fino in fondo del bene dei bambini e del loro rapporto cin i genitori – ha spiegato Alessandra Gallone -. E i giudici molto spesso si trovano da soli ad affrontare situazioni difficili senza neppure avere gli strumenti idonei per trovare la soluzione migliore per i più piccoli”.

“Tutti i figli hanno diritto di amare e di essere amati da entrambi i genitori – ha commentato la Gallone -. e dobbiamo considerare nel modo giusto il concetto di bigenitorialità e dell’importanza della presenza completa di entrambi i genitori per la crescita equilibrata e serena dei figli. Per questo torneremo alla carica nella prossima legislatura, e ci impegneremo seriamente a risolvere i problemi di centinaia e centinaia di figli contesi, genitori bistrattati e nonni ignorati” ha concluso l’esponente di Fratelli d’Italia.

Olivati (Fiaip): la casa resta l’investimento più sicuro

La casa resta l'investimento più sicuro BERGAMO -- Quali richieste può realisticamente fare il mondo del mattone al prossimo governo? Ecco ...

Asl: occhio ai falsi professionisti dell’amianto

Esperti nella rimozione dell'amianto BERGAMO -- Allarme dell'Asl di Bergamo che mette in guardia contro i finti professionisti che ...