iscrizionenewslettergif
Poesie

“A te che m’ami” di Amalia Guglielminetti

Di Redazione15 febbraio 2013 Decrease Font Size Increase Font Size Dimensione testo Stampa questo articolo

amore33

A te che m’ami e sei così lontano,
a te che sotto i cieli tropicali
vedi passare il mio fantasma vano,
a te che sai il mio profondo male,
e intendi l’ansimar delle mie vene,
che conosci la mia sete mortale,
oggi io vengo col mio passo più lene,
sorridendo, così come a te piace
sognarmi nelle tue ore serene.
Ma non ti porto, come vuoi, la pace.
Io son l’insonne tormentosa e ho meco
l’ostinato anelar che mai si tace.
Questo, o Ignoto che m’ami, ora io ti reco.

“Gabbiani” di Silvia Trabanelli

gabbi Uno stormo di gabbiani s'innalzarono quella sera leggeri quasi aerei sospesi fra cielo e cielo come i sogni una ...

“Milano” di Umberto Saba

Fra le tue pietre e le tue nebbie faccio villeggiatura. Mi riposo in Piazza del Duomo. Invece ...